Home Rubriche Una sera, una poesia

Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Il volo

Fuggi, ti esorto con tutto il cuore. Fuggi lontano da questi miasmi pestiferi, da questo assordante chiacchiericcio. Bevi fino ad ubriacarti Il liquido prezioso del cielo terso di questo mattino invernale. Danza mostrando il...

Noi

Ero avvolta nella pelliccianera, nella pelliccia biancae tu mi svolgevie in una luce d’oropoi m’incoronasti,mentre fuori dardi di nevediagonali battevano alla porta.Mentre venti centimetri...

Riconosciti…

Riconosciti Questa adorabile persona sei tu Sotto il grande cappello da canottiere Occhio Naso La bocca Ecco l’ovale del tuo viso Il tuo collo bellissimo Ecco infine l’immagine non completa del tuo busto...

Il primo gennaio

  Il primo gennaio So che si può vivere non esistendo, emersi da una quinta, da un fondale, da un fuori che non c’è se mai nessuno l’ha veduto. So che...

A Silvia Romano

Sarò viva e sono, come vuole il mio nome, di natura selvaggia: quella che dona di sé: libero bene Milano, 28 dicembre 2018 (Tiziana Altea) #SilviaLibera

Bussano…

Bussano. Chi sarà? Nascondo la polvere della mia solitudine sotto il tappeto, aggiusto il mio sorriso, ed apro.

E l’amore guardò il tempo e rise…

E l’amore guardò il tempo e rise. Un sorriso lieve come un sospiro, come l’ironia di un batter di ciglio, come il sussurro di una verità scontata. Perché...

Azzurro azzurro è il tuo colletto

Azzurro azzuro è il tuo colletto Triste triste è il mio cuore. Anche se non vengo da te Perché tu non ti fai sentire? Azzurra azzurra è la...

A piedi mi toccò…

A piedi mi toccò Attraversare Il sistema solare Prima di trovare Il primo filo Del mio abito rosso. Ho già il presagio Di me stessa. In qualche posto Dello spazio È appeso il mio...

Non invidio….

  ·  Non invidio Non invidio in alcun modo il vuoto opprimente della nobile rabbia, il cardellino nato nella gabbia che non ha mai conosciuto i boschi estivi. Non invidio l’animale...

Vita nuova….

Vita nuova da rosa mistica Stavo dinanzi al mare arido e le onde Con gli spruzzi sul viso nei capelli Mi colpivano. Lunghi fuochi rossi Ardevano nel cielo,...

Il fiore

Il fiore caduto lei ha visto dove giaceva un petalo rosa intatto abilmente lo pose ancora sul suo stelo WILLIAM CARLOS WILLIAMS

Ultimi Articoli

Storia di un ragazzo del Mali. La pagella cucita nell’abito e lo strazio del...

di Marina Corradi - 18 gennaio 2019 Non poteva avere più di 14 anni, a giudicare dalle ossa del polso, esili. È morto insieme ad...

Baricco, largo alla Rivoluzione delle Orecchie d’Asino!

di Franco Cardini - 14 gennaio 2019 LA RIVOLUZIONE DELL’IGNORANZA - PER FORTUNA C’E’ IL “MURO ANTARTICO” Su “La Repubblica” dell’11.1., Alessandro Baricco ha scritto un lunghissimo...

Populismo è potere sotto altre spoglie

di Alfredo Morganti - 18 gennaio 2019 Tempismo perfetto. L’uno-due (reddito di cittadinanza più quota 100) sarà il nerbo di una campagna elettorale che si...