Libri

“[…] Ci sono due tipi di libro, quelli da consultare e quelli da leggere. I primi (il prototipo è l’elenco telefonico, ma si arriva sino ai dizionari e alle enciclopedie) occupano molto posto in casa, son difficili da manovrare, e sono costosi. Essi potranno essere sostituiti da dischi multimediali, così si libererà spazio, in casa e nelle biblioteche pubbliche, per i libri da leggere (che vanno dalla Divina Commedia all’ultimo romanzo giallo).
I libri da leggere non potranno essere sostituiti da alcun aggeggio elettronico. Son fatti per essere presi in mano, anche a letto, anche in barca, anche là dove non ci sono spine elettriche, anche dove e quando qualsiasi batteria si è scaricata, possono essere sottolineati, sopportano orecchie e segnalibri, possono essere lasciati cadere per terra o abbandonati aperti sul petto o sulle ginocchia quando ci prende il sonno, stanno in tasca, si sciupano, assumono una fisionomia individuale a seconda dell’intensità e regolarità delle nostre letture, ci ricordano (se ci appaiono troppo freschi e intonsi) che non li abbiamo ancor letti, si leggono tenendo la testa come vogliamo noi, senza imporci la lettura fissa e tesa dello schiermo di un computer, amichevolissimo in tutto salvo che per la cervicale. Provate a leggervi tutta la Divina Commedia, anche solo un’ora al giorno, su un computer, e poi mi fate sapere. […] L’umanità è andata avanti per secoli leggendo e scrivendo prima su pietre, poi su tavolette, poi su rotoli, ma era una fatica improba. Quando ha scoperto che si potevano rilegare tra loro dei fogli, anche se ancora manoscritti, ha dato un sospiro di sollievo. E non potrà mai più rinunciare a questo strumento meraviglioso. La forma-libro è determinata dalla nostra anatomia.” (Umberto Eco)

La banda degli amanti

LA BANDA DEGLI AMANTI - di MASSIMO CARLOTTO - ed. E/O Carlotto: "L'Alligatore torna per colpa dei miei lettori" lo scrittore racconta il nuovo noir del...

L’Età del Caos

L'ETA' DEL CAOS - di FEDERICO RAMPINI - ed. MONDADORI La "distruzione creatrice" di Silicon Valley è alimentata da tattiche di guerriglia. Nel mondo di...

Il sultano e lo zar

IL SULTANO E LO ZAR - di FRANCO CARDINI - ed. SALERNO di Franco Cardini - 8 maggio 2018 Vi segnalo la comparsa proprio in questi...

Lettera a un figlio su Mani pulite

 LETTERA A UN FIGLIO SU MANI PULITE - di GHERARDO COLOMBO - ed. GARZANTI intervista a Gherardo Colombo di Piero Colaprico GHERARDO Colombo, 68 anni, magistrato...

La danza delle mozzarelle

LA DANZA DELLE MOZZARELLE - di WOLF BUKOWSKI - ed. ALEGRE intervista a Wolf Bukowski di Samir Hassan e Alessandro Barile Un’intervista con Wolf Bukowski, autore...

I pirati dei navigli

                I PIRATI DEI NAVIGLI - di MARCO PHILOPAT - ed. BOMPIANI recensione di Marc Tibaldi Nell’epoca della Retromania (l’ossessione per il passato, che Simon Reynolds ha...

La via di fuga

LA VIA DI FUGA - di FEDERICO FUBINI - ed. MONDADORI recensione di BENEDETTA TOBAGI da La Repubblica "ESTRANEO a niente": così Federico Fubini definisce se...

Storie precarie

STORIE PRECARIE - di PATRIZIO DI NICOLA, FRANCESCA DELLA RATTA-RINALDI, LUDOVICA IOPPOLO, SIMONA ROSATI - ed. EDIESSE Fare parte della «generazione senza» significa non potersi...

Il nostro male viene da più lontano

IL NOSTRO MALE VIENE DA PIU' LONTANO -  di ALAIN BADIOU - ed. EINAUDI Traduzione Stefania Ricciardi Questo libro nasce come risposta ragionata all’attentato compiuto...

Non per profitto

NON PER PROFITTO - DI MARTHA C. NUSSBAUM - ed. IL MULINO Scienza, tecnica, economia. Se oggi taluni ritengono queste competenze indispensabili, Martha Nussbaum va...

La classe non è acqua

LA CLASSE NON E' ACQUA - di BRUNO PASTORINO - ed. DE FERRARI di Pierfranco Pellizzetti Per un sopravvissuto dei tempi andati, suscita una qualche emozione...

Il dovere di non collaborare

IL DOVERE DI NON COLLABORARE - di PIETRO POLITO - ed. SEB 27 recensione di Fabrizio Salmoni Ho letto con grande commozione questo lavoro di riflessione...

Ultimi Articoli

Salvini s’infuria con Tomaso Montanari che replica: “tu sei una vergogna per l’Italia”

“Non so quale sia l’onore più grande: essere scelto per la maturità mi fa molto piacere, ma essere attaccato da Matteo Salvini è una medaglia”. Così...

Lucrezio: il pessimismo della ragione

Caio Giulio Cesare e Tito Lucrezio Caro erano quasi coetanei e certamente si conoscevano, almeno di vista. Anche perché i membri delle famiglie ricche...

Stefano Parisi: “Ricostruire l’area liberale e popolare per ridare un futuro al Paese”

di Stefano Parisi - 19 giugno 2019 Oggi tutti abbiamo una grande responsabilità. Ricostruire l’area liberale e popolare che per 25 anni è stata ed...