Home Rubriche Una sera, una poesia

Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Quel che mi duole…

Quel che mi duole non è quello che c’è nel cuore. Ma quelle cose belle che mai esisteranno. Sono le forme senza forma che passano senza che il dolore le...

Mattino d’autunno

Che dolcezza infantile nella mattinata tranquilla! C’è il sole tra le foglie gialle e i ragni tendono fra i rami le loro strade di seta.   Federico Garcia Lorca

La sera

La sera equivocando si vestì di freddo. Dietro i vetri appannati tutti i bambini vedono tramutarsi in uccelli un albero giallo. La sera è distesa lungo il fiume. Un rossore di mela trema...

Forse ti voglio bene…

Forse ti voglio bene. Forse ti voglio molto bene. Ma proprio per questo sarà forse meglio che rimaniamo così come siamo. Forse un uomo e una donna sono più vicino...

Sono contento…

Sono contento d'essere venuto al mondo, d'essere nato sul nostro pianeta. Amo la terra. È vero, accanto al sole è un balocco questo nostro mondo, ma è grande sterminato. Voglio andarmene...

Il campo di ulivi…

  Il campo di ulivi s'apre e si chiude come un ventaglio. Sull'oliveto c'è un cielo sommerso e una pioggia scura di freddi astri. Tremano giunco e penombra sulla riva del fiume. S'increspa il vento...

Solo gli inquieti…

Solo gli inquieti sanno com’è difficile sopravvivere alla tempesta e non poter vivere senza. Emily Brontë

Se un giorno avrai voglia di piangere

Se un giorno avrai voglia di piangere chiamami:  non prometto di farti ridere ma potrò piangere con te…  Se un giorno riuscirai a fuggire, non esitare a...

Tienimi per mano al tramonto

Tienimi per mano al tramonto, quando la luce del giorno si spegne e l'oscurità fa scivolare il suo drappo di stelle... Tienila stretta quando non riesco...

Le parole

Le parole non hanno occhi né gambe, non hanno bocca né braccia, non hanno visceri e spesso nemmeno cuore, o ne hanno assai poco. Non puoi chiedere alle parole di...

Se non dovessi

Se non dovessi tornare, sappiate che non sono mai partito. Il mio viaggiare è stato tutto un restare qua, dove non fui mai. Giorgio Caproni, "Biglietto lasciato prima di non...

I ricordi

I ricordi, un inutile infinito, ma soli e uniti contro il mare, intatto in mezzo a rantoli infiniti... Il mare, voce d'una grandezza libera, ma innocenza nemica nei ricordi, rapido...

Ultimi Articoli

Brexit: una trappola per Corbyn

di Luca Billi, 17 gennaio 2019 Non credo che fosse l'obiettivo iniziale con cui tutto questo è cominciato, ma certamente in queste ultime settimane immagino...

Le élite, il popolo e gli ultimi

di Alfredo Morganti - 17 gennaio 2019 Le élite, il popolo e gli ultimi A che servono le emozioni in politica? A molto. Servono ad appassionare,...

Essere umani, essere Battisti

di Adriano Sofri 15 Gennaio 2019   Le vittime e il marcire. La galera ti insegna che anche un Battisti colpevole di quei delitti di quarant’anni...