Home Rubriche Una sera, una poesia

Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo [email protected] nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Quel che mi duole…

Quel che mi duole non è quello che c’è nel cuore. Ma quelle cose belle che mai esisteranno. Sono le forme senza forma che passano senza che il dolore le...

Sono contento…

Sono contento d'essere venuto al mondo, d'essere nato sul nostro pianeta. Amo la terra. È vero, accanto al sole è un balocco questo nostro mondo, ma è grande sterminato. Voglio andarmene...

Il campo di ulivi…

  Il campo di ulivi s'apre e si chiude come un ventaglio. Sull'oliveto c'è un cielo sommerso e una pioggia scura di freddi astri. Tremano giunco e penombra sulla riva del fiume. S'increspa il vento...

Forse ti voglio bene…

Forse ti voglio bene. Forse ti voglio molto bene. Ma proprio per questo sarà forse meglio che rimaniamo così come siamo. Forse un uomo e una donna sono più vicino...

Solo gli inquieti…

Solo gli inquieti sanno com’è difficile sopravvivere alla tempesta e non poter vivere senza. Emily Brontë

Mattino d’autunno

Che dolcezza infantile nella mattinata tranquilla! C’è il sole tra le foglie gialle e i ragni tendono fra i rami le loro strade di seta.   Federico Garcia Lorca

Per ogni tramonto…

"Per ogni tramonto, c'è un giorno che sorge. Per ogni sogno che finisce, ce ne è uno che nasce. Per ogni porta che si chiude una...

La primavera sorrideva

La primavera sorrideva ...Un giorno mi sorprese la primavera che In tutti i campi intorno sorrideva. Verdi foglie in germoglio gialle rigonfie gemme delle fronde, fiori gialli, bianchi e rossi...

Se non dovessi

Se non dovessi tornare, sappiate che non sono mai partito. Il mio viaggiare è stato tutto un restare qua, dove non fui mai. Giorgio Caproni, "Biglietto lasciato prima di non...

La vita io l’ho castigata vivendola…

La vita io l’ho castigata vivendola. Fin dove il cuore mi resse arditamente mi spinsi. Ora la mia giornata non è più che uno sterile avvicendarsi di rovinose abitudini e...

Silenzio in liguria

Silenzio in Liguria Scade flessuosa la pianura d ' acqua Nelle sue urne il sole Ancora segreto si bagna. Una carnagione lieve trascorre. Ed ella improvvisa ai seni...

Per tutta l’esistenza…

  Per tutta l'esistenza ti avrò, fragilità, nella stanchezza ardente del mio sangue. Mi sei venuta accanto colla promessa viva di un'aurora, sconvolgendomi il sangue come un grande tesoro che si potrà...

Ultimi Articoli

Fatta la legge trovato l’inganno. L’imponderabile fungibilità del Rosatellum

Ripensandoci è abbastanza inutile menare scandalo. E' ,ovvio che le leggi elettorali siano influenzate dalle convenienze del momento. La scelta del proporzionalismo puro risultò...

Mattina…

Matilde, nome di pianta o di pietra, o di vino, di ciò che nasce dalla terra e dura, parola nel cui aumento albeggia, nella cui estate scoppia...

Quattro o cinque mele marce

Torino, violenze sui detenuti: sei agenti della Penitenziaria arrestati per tortura. Ma la cosa che stupisce di più non è la pratica della tortura praticata,...