Home Rubriche Una sera, una poesia

Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo [email protected] nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Nessun Articolo da visualizzare

Ultimi Articoli

Fatta la legge trovato l’inganno. L’imponderabile fungibilità del Rosatellum

Ripensandoci è abbastanza inutile menare scandalo. E' ,ovvio che le leggi elettorali siano influenzate dalle convenienze del momento. La scelta del proporzionalismo puro risultò...

Mattina…

Matilde, nome di pianta o di pietra, o di vino, di ciò che nasce dalla terra e dura, parola nel cui aumento albeggia, nella cui estate scoppia...

Quattro o cinque mele marce

Torino, violenze sui detenuti: sei agenti della Penitenziaria arrestati per tortura. Ma la cosa che stupisce di più non è la pratica della tortura praticata,...