Home Rubriche Una sera, una poesia

Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Viva Riace

Un paese in una noce - Riace - così intera per alcuni da volerla schiacciare... Guastare il nuovo seme, recita il motto, non certo gustarne! Ma arriverà, frutto di noce - ancora...

Ombrose dimore…

  Quante ombrose dimore hai già sfiorato, anima mia, senza trovare asilo : dal sogno rifluivi alla memoria, da memoria tornavi a essere un sogno, per via ti sorprendeva...

Sto modellando la tua ombra

Sto modellando la tua ombra Le ho già tolto le labbra, rosse e dure: bruciavano Te le avrei baciate ancora molte volte. Ti fermo poi le braccia lunghe nervose, rapide. Mi...

La neve

Come pesa la neve su questi rami come pesano gli anni sulle spalle che ami. L'inverno è la stagione più cara, nelle sue luci mi sei venuta...

Una sera di nuvole e di freddo

Una sera di nuvole, di freddo e di luce che spiega ad altro il senso della mia vita, questo vago accordo di memorie in sordina, sottovoce di me,...

Vi arriva il poeta…

Vi arriva il poeta e poi torna alla luce con i suoi canti e li disperde Di questa poesia mi resta quel nulla d'inesauribile segreto   Il porto sepolto Giuseppe Ungaretti

Cercavo te nelle stelle

Cercavo te nelle stelle Cercavo te nelle stelle quando le interrogavo bambino. Ho chiesto te alle montagne, ma non mi diedero che poche volte solitudine e breve pace. Perché mancavi,nelle...

Qualcuno misura…

Qualcuno misura singhiozzando l’estensione dell’alba. Qualcuno pugnala il cuscino in cerca del suo impossibile spazio di quiete. Gli occhi aperti Alejandra Pizarnik

Fantasia

Fantasia Lascia sempre vagare la fantasia, È sempre altrove il piacere: E si scioglie, solo a toccarlo, dolce, Come le bolle quando la pioggia picchia; Lasciala quindi vagare, lei,...

L’umanità che vola

(a Nadia Murad*) Isis. E la fine. Il mio mondo, la vita mia stravolti. Uccisi sei fratelli, sangue mio, con tutti gli altri presi nel villaggio - Io, da soldati violentata - yazida,...

Le parole

Le parole non hanno occhi né gambe, non hanno bocca né braccia, non hanno visceri e spesso nemmeno cuore, o ne hanno assai poco. Non puoi chiedere alle parole di...

C’è chi…

C’è chi meglio degli altri realizza la sua vita. È tutto in ordine dentro e attorno a lui. Per ogni cosa ha metodi e risposte. È...

Ultimi Articoli

Mazzucato: ‘Se non cambiamo il capitalismo ci sarà l’avanzata di un nuovo fascismo cavalcato...

Spendere, ma per fare il bene pubblico. Creando valore, e non sottraendolo alla collettività. Guardando al lungo periodo, e non all’immediato: perché gli strumenti...

Arrotolo merda e mi chiamano premier

I fedayn grillini stanno facendo di tutto per affermare la continuità del governo con i loro capi, magari con PD. Si rimangiano persino le...

La democrazia delle aspettative fasulle

Si ascoltano giornalisti, politici, opinionisti ecc. ed è inevitabile constatare il dilagante analfabetismo costituzionale. Si fa derivare la legittimità di un parlamento da elezioni...