Home Rubriche Una sera, una poesia

Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Io…

Io sono abituato a cibarmi di nuvole e di lontananza. Eugenio Montale

Ella dimora insieme alla Bellezza

Ella dimora insieme alla Bellezza, la Bellezza che morir deve; e insieme alla Gioia che tien sempre sui labbri la mano a dire addio; presso al Piacere che...

Il bacio

di Shuntaro Tanikawa  Non appena si chiudono gli occhi, scompare il mondo, solo il peso della tenerezza mi assicura l’infinito. Il silenzio si tramuta in una notte...

Natale

Non ho voglia di tuffarmi in un gomitolo di strade Ho tanta stanchezza sulle spalle Lasciatemi così come una cosa posata in un angolo e dimenticata Qui non si sente altro che il caldo buono Sto con le quattro capriole di fumo del focolare Giuseppe Ungaretti 1916

Ti scrivo dal balcone

Ti scrivo dal balcone dove resto ancora un poco questa sera a guardare l’orto al sole di settembre a mangiare pane e olio e foglie piccole di...

Stringendo le dita…

Stringendo le dita intorno ai frantumi dell’ingenua mia speranza ho scoperto di amarti nelle sembianze del sogno, e se anche tu fossi qui adesso in carne ed ossa io seguiterei a...

La porta è socchiusa…

La porta è socchiusa, dolce respiro dei tigli... Sul tavolo, dimenticati, un frustino ed un guanto. Giallo cerchio del lume... Tendo l'orecchio ai fruscii. Perché sei andato via? Non comprendo... Luminoso e...

E il tuo ricordo…

E il tuo ricordo è come brace viva che non lascio cadere anche se mi brucia le mani. Jorge Luis Borges

Guardo in ginocchio…

Guardo in ginocchio la terra guardo l’erba guardo l’insetto guardo l’istante fiorito e azzurro sei come la terra di primavera, amore, io ti guardo. Sdraiato sul dorso vedo il...

La corsa del Tempo…

La corsa del tempo Sotto l'icona un liso tappetino, dentro la fresca stanza è sceso il buio. Ha inanellato l'ampia finestra l'edera rigogliosa, verdecupo. Dolce aroma che s'alza dalle...

Uno sguardo…

Uno sguardo che rivela il tormento interiore aggiunge bellezza al volto, per quanta tragedia e pena riveli, mentre il volto che non esprime, nel silenzio, misteri nascosti non è...

E così…

E così, Dio scomparso, che voglio averti. Piccolo cembalo di farina per il neonato. Brezza e materia unite nell'espressione esatta per amor della carne che non sa...

Ultimi Articoli

Brexit: una trappola per Corbyn

di Luca Billi, 17 gennaio 2019 Non credo che fosse l'obiettivo iniziale con cui tutto questo è cominciato, ma certamente in queste ultime settimane immagino...

Le élite, il popolo e gli ultimi

di Alfredo Morganti - 17 gennaio 2019 Le élite, il popolo e gli ultimi A che servono le emozioni in politica? A molto. Servono ad appassionare,...

Essere umani, essere Battisti

di Adriano Sofri 15 Gennaio 2019   Le vittime e il marcire. La galera ti insegna che anche un Battisti colpevole di quei delitti di quarant’anni...