Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

a Blanca

a Blanca Passa la mano tra i miei capelli, Anna, passa la mano. Sarò un bambino per i tuoi consigli, Anna - un vecchio. Guarda la neve sulla mia...

Il Piantatore di Alberi

Il piantatore d’alberi, il giardiniere, l’uomo nato per coltivare, le cui mani si protendono sotto terra e germogliano, per lui la terra è una droga divina. Entra...

Ogni giorno

Ed esce dalla foto: la foca s’è arenata sui miei piedi. Ha gli occhi tondi e vivi, il sangue l’ha lasciato a spaccar ghiaccio. In bianco e nero cade dalle mani la ferita:...

TU TRA QUELLI CHE SEMBRAVANO ESTRANEI

TU TRA QUELLI CHE SEMBRAVANO ESTRANEI Tu, chiara e oscura, Matilde bruna e dorata, simile al frumento e al vino e al pane della patria, lì nelle...

Fratelli

Sul tuo volto esangue traspare il mio teschio

Le risonanze erranti e i limoni di Montale

di Alfredo Morganti - 20 luglio 2019 Valerio Magrelli oggi racconta su ‘Repubblica’ come abbia utilizzato il “mantra” poetico per sfuggire all’angoscia di una risonanza...

Centrato

Morire reclusi sotto le bombe o gli spari fuggendo. Destini soli qui a Tajoura, rotte senza ritorno che io serro - corpo che sventra sventrato - campo di vite nera in cassoni di...

Früher Apollo

APOLLO PRIMITIVO Früher Apollo Come talvolta in mezzo ai rami ancora spogli un mattino sorge, e in quel momento è primavera: così nulla affiora dal suo capo, che il...

Al bordo dell’acqua

Sedersi in due sulla sponda di un ruscello che scorre, lasciarlo scorrere, in due, quando la nube nello spazio corre, vederla correre; all'orizzonte, quando un tetto di canne...

Più di una volta d’estate

  Più di una volta, d’estate, quando il giorno finisce, alla fievole luce del tramonto, venivo da te per lunghi periodi e ascoltavo la voce del tuo canto: "Piccola...

Il cuore infranto

Completamente folle è chi dice d’essere stato innamorato per un’ora e non perché l’amore svanisce cosi presto, ma perché in minor tempo dieci ne divora; chi mai mi...

Brughiera

Accoccolato tra le pervinche sfuggi la furia ansante dei cavalli e l’urlo dei cani al sole. Tu sei come il ramarro verde e azzurro che del proprio rumore si spaura e...

Ultimi Articoli

Non esiste un farmaco per la povertà

di Marcella Corsi È passato un mese da quando Esther Duflo ha vinto il Nobel per l’economia, insieme a Abhijit Banerjee e Michael Kremer, per aver...

6000 semplici sardine affrontano libere e intrepide “la bestia” di Salvini

di 6000 sardine Le piazze fanno paura. Perché sono piene di gente. Perché sono libere. Perché hanno rovinato il tappeto rosso che la Lega si era steso in...

Sardine fra la Via Emilia e il west

di Fausto Anderlini Che masse sono codeste ? Intanto sono masse, meglio moltitudini. E non per caso hanno scelto la nuvola delle sardine per identificarsi. La...