Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

A piedi mi toccò…

A piedi mi toccò Attraversare Il sistema solare Prima di trovare Il primo filo Del mio abito rosso. Ho già il presagio Di me stessa. In qualche posto Dello spazio È appeso il mio...

Non invidio….

  ·  Non invidio Non invidio in alcun modo il vuoto opprimente della nobile rabbia, il cardellino nato nella gabbia che non ha mai conosciuto i boschi estivi. Non invidio l’animale...

Vita nuova….

Vita nuova da rosa mistica Stavo dinanzi al mare arido e le onde Con gli spruzzi sul viso nei capelli Mi colpivano. Lunghi fuochi rossi Ardevano nel cielo,...

Il fiore

Il fiore caduto lei ha visto dove giaceva un petalo rosa intatto abilmente lo pose ancora sul suo stelo WILLIAM CARLOS WILLIAMS

Lo spirito ha bisogno…

Lo spirito ha bisogno del finito per incarnare slanci d’infinito. Parlo con l’angelo, e le tue braccia d’uomo soltanto lo traducono ai miei sensi. Dove comincia l’ala? Dove nascono musiche di tamburi di...

Figlio….

Sai da dove vieni?… vicino all’acqua d’invernoio e lei sollevammo un rosso fuococonsumandoci le labbrabaciandoci l’anima,gettando al fuoco tutto,bruciandoci la vita.Così venisti al mondo.Ma...

Che cosa fai…

Che cosa fai? Niente. Guardo soltanto piovere sulla piazza. E si sedette al suo fianco. E si aggiunse, in silenzio, a quella celebrazione della nostalgia, a quel rigoglio di malinconia. Karmelo C. Iribarren

I miei pensieri…

I miei pensieri sono qualcosa che la mia anima teme. Fremo per la mia allegria. A volte mi sento invadere da una vaga, fredda, triste, implacabile quasi-concupiscente spiritualità. Mi...

Prima di te…

Prima di te m’avevano baciata solo i venti del cielo e piogge chiare – ora che ci sei tu, potrei quei baci ancor desiderare? Mi volsi al mare,...

In questa notte d’autunno

In questa notte d'autunno sono pieno delle tue parole parole eterne come il tempo come la materia parole pesanti come la mano scintillanti come le stelle. Dalla tua testa dalla...

I ricordi

I ricordi, un inutile infinito, ma soli e uniti contro il mare, intatto in mezzo a rantoli infiniti... Il mare, voce d'una grandezza libera, ma innocenza nemica nei ricordi, rapido...

Il sogno del soldato

  Sognai che il buon Gesù aveva sabotato, gli ingranaggi dei grossi pezzi d’artiglieria, e inceppato in modo irreparabile tutti gli otturatori. Con un sorriso, aveva deformato le Mauser e...

Ultimi Articoli

L’Occidente e gli “Orienti”

di Franco Cardini  25 marzo  2019 CORSI, RICORSI ED EQUIVOCI DELLA STORIA L’OCCIDENTE E GLI “ORIENTI” Può sembrare strano, ma è così. La tragedia di Christchurch in...

Falsità spacciate per verità. Strumenti per arrampicarsi sugli specchi

di Vecchia Talpa - 25 marzo 2019 Il presunto capo del Governo dice che per quanto riguarda l'ILVA non potevano fare nulla in quanto c'era...

“Sarò una vipera…”

di Luca Billi - 25 marzo 2019 C'è questa giovane donna, così giovane da dover dipendere in tutto dal suo tutore. Non è libera di...