Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Giorno d’autunno

Chi non ha casa adesso, non l’avrà.Chi è solo a lungo solo dovrà stare,leggere nelle veglie, e lunghi fogli scrivere, e incerto sulle vie tornare dove...

Poiché la vita fugge

Poiché la vita fugge e chi tenta di ricacciarla indietro rientra nel gomitolo primigenio dove potremo occultare, se tentiamo con rudimenti o peggio di sopravvivere, gli oggetti che ci...

Che cos’era il mare

 Che cos’era il mare? Aveva code d’acqua e zampe d’acqua tra le rocce, levigava i ciottoli, faceva sigle di luce sulla sabbia: era profondo ma insensibile, si diceva,...

Tristezza anche sorride

Dal vetro opaco emerge il fondo, a grumi vino, tipo rane a riva. Ma che ne scrivo? Mai le ho viste! Gracchiano, tristezza mia delusa. C’è pure quella...

Prima neve

  Mi leverò al mattino tra il ridere pacato dei cristalli di neve. Cadi, cadi, allegra, buona Prima neve, tu sei la prima, sei la prima neve. I bambini nati...

Non odi l’usignolo…

Appoggi il viso alla malinconia e nemmeno odi l’usignolo. O è l’allodola? Reggi male l’aria, diviso tra la fedeltà che devi alla terra di tua madre e all’azzurro quasi...

Tramonto

MANUEL MACHADO TRAMONTO Voce del mare: un languido e sonoro sospiro era in quel vespro… Non volendo morire il giorno, con artigli d’oro, alle scogliere s’afferrava, ardendo. Ma il mare...

Assenza

  Verso le quattro, quando c’era la mia compagna                      dormiva tra le mie braccia. (Distico popolare) Non c’è nessuno che baci le tue labbra scarlatte, Né chi stringa...

Tu…

Tu, mia cara, sei il vento che non mi aspettavo,il vento che ha soffiato più forte di quanto potessi immaginare.Tu sei il mio destino. Le...

Dal cuore del miracolo

  Parlo di me, dal cuore del miracolo: la mia colpa sociale è di non ridere, di non commuovermi al momento giusto. E intanto muoio, per aspettare a...

Ai Murazzi del Po

(a Stefano Leo*) ‘Troppo felice’ per te, che disperazione finisce, nel mucchio hai scelto: me - Ai Murazzi del Po l’acqua taglia in gola, di lama l’ultimo sorriso Milano, 6-9 aprile 2019 (Tiziana Altea) *Sgozzato in riva...

Ti direi…

Ti direi di quelle nuvole smaltate di rosso come unghia finte tolte al tramonto. Ti direi di quella coperta blu che è mare arricciato nei miei pensieri. Ti direi di quella...

Ultimi Articoli

Turci: “l’aggressione da sinistra alle Sardine ha il sapore dello sconfittismo elevato a culto”

Lanfranco Turci LO SCONFITTISMO COME CULTO? Non so se essere più orgoglioso per essere accusato alla mia rispettabile età di essere un ingenuo movimentista o essere...

I Beccafichi

Anna Lombroso per il Simplicissimus Il saòr è un tipo di marinatura da sempre usata a Venezia, che somiglia al condimento delle sarde a beccafico, con lo...

Il vittimismo lagnoso dei politici del nostro tempo – Flavia Perina: “Prenderemo con le...

Flavia Perina - martedì 19 novembre Il vittimismo lagnoso prima cifra politica dei tempi nostri, che sono tutti vittime, l'ex-ministro vittima di un cartello delle...