Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

La Madre

LA MADRE di Giuseppe UNGARETTI 1930 E il cuore quando d'un ultimo battito Avrà fatto cadere il muro d'ombra, Per condurmi, Madre, sino al Signore, Come una volta mi...

L’amore

L'amore Quando l'amore ti chiama, seguilo.
 Anche attraverso le sue tante vie faticose e ripide. E quando le tue ali ti avvolgono, abbandonati.
 Non importa se la spada...

La Rosa e L’Usignolo

La Rosa e L’Usignolo: dodici quartine di Omar Khâyyam Ho sempre letto mistici, ma la mistica non fa per me. Così, quando un autore è disputato...

Vieni con me………

di Hermann Hesse Vieni con me! Devi affrettarti però - sette lunghe miglia io faccio ad ogni passo. Dietro il bosco ed il colle aspetta il mio cavallo rosso. Vieni con...

La stanchezza di tutte le illusioni

di Fernando Pessoa La stanchezza di tutte le illusioni, e di tutto ciò che c’è nelle illusioni - la loro perdita, l’inutilità di averle, la prestanchezza di doverle...

L’ aurora

L'aurora   Bianca, fugace, la nebbia svapora nell'aria pura. S'indora l'Oriente, s'effonde la luce : ecco l'aurora. L'ultimo grido il gufo alla fuggente tenebra getta e nel silente ombroso bosco dispare....

Alla sera

di Ugo Foscolo - Sonetti (1803) Forse perchè della fatal quïete Tu sei l’immago a me sì cara, vieni, O Sera! E quando ti corteggian liete 4Le nubi...

I giorni e le notti

I giorni e le notti - di Giuseppe Ungaretti I giorni e le notti suonano in questi miei nervi d'arpa vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle...

Infanzia

Colmo di frutti il sambuco; quieta abitava l’infanzia un antro azzurro. Sul sentiero morto, dove ora bruna stride l’erba selvatica, medita il calmo intrico di rami; un frusciare...

Ultimi Articoli

Brexit: una trappola per Corbyn

di Luca Billi, 17 gennaio 2019 Non credo che fosse l'obiettivo iniziale con cui tutto questo è cominciato, ma certamente in queste ultime settimane immagino...

Le élite, il popolo e gli ultimi

di Alfredo Morganti - 17 gennaio 2019 Le élite, il popolo e gli ultimi A che servono le emozioni in politica? A molto. Servono ad appassionare,...

Essere umani, essere Battisti

di Adriano Sofri 15 Gennaio 2019   Le vittime e il marcire. La galera ti insegna che anche un Battisti colpevole di quei delitti di quarant’anni...