Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Ed ecco sul tronco…

 Ed ecco sul tronco si rompono gemme: un verde più nuovo dell’erba che il cuore riposa: il tronco pareva già morto, piegato sul botro. E tutto mi sa di miracolo; e...

Lampione

Confuso lampione, campana malata, lucciola del sereno fischio del treno. Stella. Notte antica d'amore !              Federico Garcia Lorca

Indizzi

Come spostando pietre  geme ogni giuntura! Riconosco l'amore dal dolore lungo tutto il corpo. Come un immenso campo aperto alle bufere. Riconosco l'amore dal lontano di chi mi è accanto. Come se...

L’abito della remota primavera

Indosso per te l'abito della remota primavera sfrontato per il tempo presente foriero di promesse per il tempo che verrà forse... Lina Lombardo 1998

GAZA: la nostra cattiva coscienza

Si staglia una sagoma d’angelo, di dio si son perse le tracce celate da un muro e dai corpi dei morti e da un velo d’ipocrita fede e...

Sul tavolo…..

  Sul tavolo Il cerchio vuoto di una tazza di caffè E accanto La fredda tazza della solitudine Colma del nero caffè della tristezza.            ...

Stamani l’aria è di vetro

Stamani, l'aria è di vetro: stupito, cammino attraverso un muro di cristallo e un altro muro, perchè tu veda - anche se di sera il mio cuore si...

Casa Mia

CASA MIA Sorpresa dopo tanto d'un amore Credevo di averlo sparpagliato per il mondo

Giorno e notte

I giorni e le notti suonano in questi miei nervi d'arpa vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.            Giuseppe Ungaretti

Veglia

VEGLIA Cima Quattro il 23 dicembre 1915 Un'intera nottata buttato vicino a un compagno massacrato con la sua bocca digrignata volta al plenilunio con la...

Stasera

Balaustrata di brezzaper appoggiare staserala mia malinconia.Giuseppe Ungaretti

Pronunzio il tuo nome

Pronunzio il tuo nomenelle notti scure,quando sorgono gli astriper bere dalla lunae dormono le fraschedelle macchie occulte.E mi sento vuotodi musica e passione.Orologio pazzo...

Ultimi Articoli

“Io vi odio a voi romani”

di Alfredo Morganti - 25 giugno 2019 Qualcuno mi dica se questo modo di fare sia, alla lunga, davvero lungimirante. Assegnano a Milano (e a...

Nostra madre Medea

di Luca Billi 25 giugno 2019 Noi "moderni" rimaniamo sgomenti di fronte alla storia di una madre che uccide il proprio figlio: è un delitto...

Differenza fra Bund e Btp

di Vecchia Talpa  25 giugno 2019 Mentre il rendimento decennale dei titoli italiani è a 2,46% quello tedesco è a meno 0,33%. Significa che l'investitore...