lunedì, 27 Gennaio, 2020

Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Lei mi disse…

0
  Lei mi disse buona : "Non mi hai vista ieri. Passando accanto a te eri distratto, quasi come incantato. Non hai voluto salutarmi". E io con la nostalgia della musica triste le...

E già sono deserto…

0
E già sono deserto. Preso in questa curva malinconia. Ma la notte sperde le lontananze. Oceanici silenzi, astrali nidi d’illusione, o notte. Giuseppe Ungaretti

Ridammi i miei stracci…

0
Ridammi i miei stracci I miei stracci di sogno puro Fatti con il sorriso di seta del mio intermittente presagio Fatti con questa mia stoffa di pizzo I...

Rosa…

0
  Rosa futura e vena contenuta, ametista di ieri e brezza dell'adesso, voglio dimenticarle! Uomo e pesce in quei regni, sotto le cose a galla aspettando nell'alga o seduti...

Di fronte…

0
  Di fronte al mio letto la luna rischiara la terra come riflessi di brina. Alzo lo sguardo alla fulgente luna, poi chino il capo: la mia terra...

S’io fossi piccolo…

0
  S'io fossi piccolo come il grande oceano, mi leverei sulla punta dei piedi delle onde con l'alta marea, accarezzando la luna.   O s'io fossi silenzioso, umil tuono......

Passerò per Piazza di Spagna

Sarà un cielo chiaro. S’apriranno le strade sul colle di pini e di pietra. Il tumulto delle strade non muterà quell’aria ferma. I fiori spruzzati di colori alle fontane occhieggeranno come...

Mi sono seduto…

0
Mi sono seduto in una radura del tempo. Era uno stagno di silenzio, di un bianco silenzio. Formidabile anello, dove le stelle cozzavano con i dodici galleggianti numeri neri.          ...

Alle fronde dei salici …

0
ALLE FRONDE DEI SALICI E come potevano noi cantare Con il piede straniero sopra il cuore, fra i morti abbandonati nelle piazze sull’erba dura di ghiaccio, al lamento d’agnello...

Attesa

Oggi che t'aspettavo  non sei venuta. E la tua assenza so quel che mi dice, la tua assenza che tumultuava,  nel vuoto che hai lasciato,  come una stella. Dice che...

riversa cuore………..

0
  Riversa , cuore, la tua pena dove non si possa vederla, per superbia, e per non essere motivo di pena altrui. La mia vita così si incammina al cielo...

se accendono le stelle….

0
Ascoltate! Se accendono le stelle, vuol dire che qualcuno ne ha bisogno? Vuol dire che qualcuno vuole che esse siano? Vuol dire che qualcuno chiama perle questi piccoli...