Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

In silenzio…

il silenzio della casa tocca l’infinito. Sento cadere il tempo, goccia a goccia e nessuna goccia che cade si sente cadere. Fernando Pessoa

La luna …

La luna tramonta, cristalli di ghiaccio riempiono il cielo,  pianto di un corvo. Nel fiume dell’acero un fuoco di pescatori, triste immagine della mia notte...

La musica

La musica Spesso è un mare, la musica, che mi prende ogni senso! A un bianco astro fedele, sotto un tetto di brume o nell’etere immenso, io disciolgo le...

Passano gli anni..

Passano gli anni, e anche se la vita mi accusa d’immobilità, anch’io ho viaggiato. Come una particella di polvere ho svolazzato per la casa e ai libri mi...

Conigliesca lupa

Che vigliacca lupa dagli occhi dolci più ti leggono più mi rintano vigliaccamente mente nasconde cuore occhi dolci leccano il tuo odore il tuo dolore colore calore sapore di ore tacchettanti desiderio di sfamare il sogno già ucciso ma...

Mattina…

Matilde, nome di pianta o di pietra, o di vino, di ciò che nasce dalla terra e dura, parola nel cui aumento albeggia, nella cui estate scoppia...

In modo inimitabile…

In modo inimitabile la vita sa mentire: al di là di attese e smentite… Ma dal tremito di tutte le vene lo puoi capire: è viva! Come stesi...

Vorrei che tu

Vorrei che tu prendessi il volo e scrollando la polvere di dosso nemmeno ti voltassi. Ti guarderebbero loro, agitandoti un osso ma saresti una libellula che beve rugiada da...

A proposito di… Parole

A proposito di....Parole Le parole sono simulacri di diamanti levigati a riflettere bagliori di frutti maturi a incantare il cuore di canti immemori a solcare mari di sogni intrecciati a terre lontane di lame affilate a...

Tra i rami

Tra i rami indecisi andava una donzella ed era la vita. Tra i rami indecisi. Con uno specchietto rifletteva il giorno che era lo splendore della sua fronte pura. Tra i rami indecisi. Sopra le tenebre andava...

Ancora non abbiamo…

Ancora abbiamo perso questo tramonto. Nessuno stasera ci vide con le mani unite mentre la notte azzurra cadeva sopra il mondo. Ho visto dalla...

Stringendo le dita…

Stringendo le dita intorno ai frantumi dell’ingenua mia speranza ho scoperto di amarti nelle sembianze del sogno, e se anche tu fossi qui adesso in carne ed ossa io seguiterei a...

Ultimi Articoli

A che punto è la notte: a proposito dell’eguaglianza (e dell’Occidente)

È difficile esprimere compiutamente il debito che il mondo degli studi ha contratto nei confronti di Aldo Schiavone, che sarebbe senza dubbio molto riduttivo...

#ChiaraSaraceno: «L’Italia è meno cupa: torna la solidarietà, ma non c’è abbastanza lavoro né...

di Roberto Ciccarelli per Il Manifesto #RapportoCensis2019. Intervista alla sociologa e filosofa Chiara Saraceno: «In Italia non c’è abbastanza lavoro né reddito sufficiente per vivere»ma...

REQUIEM PER LA BOSNIA

di   Stefano Casarino Mercoledì 4 dicembre alle ore 16 nella Sala Scimé di Mondovì (CN) è stato presentato il libro Requiem per...