Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo [email protected] nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Si dirada …..

Si dirada la nuvola leggera. Malinconica stella, o stella della sera! Inargenta il tuo raggio le squallide pianure, il golfo sonnolento e le montagne scure. Amo il tuo...

Passano gli anni..

Passano gli anni, e anche se la vita mi accusa d’immobilità, anch’io ho viaggiato. Come una particella di polvere ho svolazzato per la casa e ai libri mi...

C’è sempre…

Sempre c’è un domani e la vita ci dà un’altra possibilità per fare le cose bene, ma se mi sbagliassi e oggi fosse tutto ciò che ci...

Quasi anonima…

Quasi anonima sorridi e il sole indora i tuoi capelli. Perché per essere felici è necessario non saperlo. Fernando Pessoa

Giorno e notte

I giorni e le notti suonano in questi miei nervi d'arpa vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.            Giuseppe Ungaretti

In modo inimitabile…

In modo inimitabile la vita sa mentire: al di là di attese e smentite… Ma dal tremito di tutte le vene lo puoi capire: è viva! Come stesi...

Qual cuore…

Qual cuore può soffrire l'incanto inesorabile della notte abbagliante e il firmamento fatale senza erompere un grido puro siccome un'arma? " P. Valery

Sto modellando la tua ombra

Sto modellando la tua ombra Le ho già tolto le labbra, rosse e dure: bruciavano Te le avrei baciate ancora molte volte. Ti fermo poi le braccia lunghe nervose, rapide. Mi...

Ogni giorno

Ed esce dalla foto: la foca s’è arenata sui miei piedi. Ha gli occhi tondi e vivi, il sangue l’ha lasciato a spaccar ghiaccio. In bianco e nero cade dalle mani la ferita:...

Mi sento….

Mi sento negli occhi attenti alle fasi del cielo dell'uomo rugato come la scorza dei gelsi che pota Mi sento nei visi infantili come un frutto rosato rovente fra gli alberi spogli Come una nuvola mi...

C’è tra voi….

C'è fra voi chi cerca la compagnia delle persone loquaci per timore della solitudine. Il silenzio della solitudine svela infatti ai loro occhi la loro nuda essenza, cosa dalla quale...

Di tutto restano…

Di tutto restano tre cose: la certezza che stiamo sempre iniziando, la certezza che abbiamo bisogno di continuare, la certezza che saremo interrotti prima di finire. Pertanto, dobbiamo fare: dell’interruzione, un nuovo cammino, della...

Ultimi Articoli

Fatta la legge trovato l’inganno. L’imponderabile fungibilità del Rosatellum

Ripensandoci è abbastanza inutile menare scandalo. E' ,ovvio che le leggi elettorali siano influenzate dalle convenienze del momento. La scelta del proporzionalismo puro risultò...

Mattina…

Matilde, nome di pianta o di pietra, o di vino, di ciò che nasce dalla terra e dura, parola nel cui aumento albeggia, nella cui estate scoppia...

Quattro o cinque mele marce

Torino, violenze sui detenuti: sei agenti della Penitenziaria arrestati per tortura. Ma la cosa che stupisce di più non è la pratica della tortura praticata,...