Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

L’abito della remota primavera

Indosso per te l'abito della remota primavera sfrontato per il tempo presente foriero di promesse per il tempo che verrà forse... Lina Lombardo 1998

GAZA: la nostra cattiva coscienza

Si staglia una sagoma d’angelo, di dio si son perse le tracce celate da un muro e dai corpi dei morti e da un velo d’ipocrita fede e...

Sul tavolo…..

  Sul tavolo Il cerchio vuoto di una tazza di caffè E accanto La fredda tazza della solitudine Colma del nero caffè della tristezza.            ...

Stamani l’aria è di vetro

Stamani, l'aria è di vetro: stupito, cammino attraverso un muro di cristallo e un altro muro, perchè tu veda - anche se di sera il mio cuore si...

Casa Mia

CASA MIA Sorpresa dopo tanto d'un amore Credevo di averlo sparpagliato per il mondo

Giorno e notte

I giorni e le notti suonano in questi miei nervi d'arpa vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.            Giuseppe Ungaretti

Veglia

VEGLIA Cima Quattro il 23 dicembre 1915 Un'intera nottata buttato vicino a un compagno massacrato con la sua bocca digrignata volta al plenilunio con la...

Stasera

Balaustrata di brezzaper appoggiare staserala mia malinconia.Giuseppe Ungaretti

Pronunzio il tuo nome

Pronunzio il tuo nomenelle notti scure,quando sorgono gli astriper bere dalla lunae dormono le fraschedelle macchie occulte.E mi sento vuotodi musica e passione.Orologio pazzo...

Gabbiani

  Gabbiani Non so dove i gabbiani abbiano il nido, ove trovino pace. Io son come loro, in perpetuo volo. La vita la sfioro com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo. E come...

Tre fiammiferi accesi

Tre fiammiferi accesi Tre fiammiferi accesi uno per uno nella notte Il primo per vederti tutto il viso Il secondo per vederti gli occhi L'ultimo per vedere la...

Portami un girasole

Portami un girasole "Portami tu la pianta che conducedove sorgono bionde trasparenzee vapora la vita quale essenza;portami il girasole impazzito di luce"   Eugenio Montale,  Ossi di...

Ultimi Articoli

A che punto è la notte: a proposito dell’eguaglianza (e dell’Occidente)

È difficile esprimere compiutamente il debito che il mondo degli studi ha contratto nei confronti di Aldo Schiavone, che sarebbe senza dubbio molto riduttivo...

#ChiaraSaraceno: «L’Italia è meno cupa: torna la solidarietà, ma non c’è abbastanza lavoro né...

di Roberto Ciccarelli per Il Manifesto #RapportoCensis2019. Intervista alla sociologa e filosofa Chiara Saraceno: «In Italia non c’è abbastanza lavoro né reddito sufficiente per vivere»ma...

REQUIEM PER LA BOSNIA

di   Stefano Casarino Mercoledì 4 dicembre alle ore 16 nella Sala Scimé di Mondovì (CN) è stato presentato il libro Requiem per...