lunedì, 27 Gennaio, 2020

Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

In silenzio…

0
il silenzio della casa tocca l’infinito. Sento cadere il tempo, goccia a goccia e nessuna goccia che cade si sente cadere. Fernando Pessoa

Robinson

Su un'isola desertadi sabbie finissimesempre pronte a franare nel nullafu duro tirare fuori tutto dal proprio sacco la terra l'acqua per farne fango col fango fare la compagna...

Oggi tracce del tempo…

0
Oggi tracce del tempo nel mio cuore Fondono in questa scia le ore nere Cinge l'anima uno sfregio di passato Muore chi nasce, risorge chi muore Si, era...

Sensazione

0
Sensazione: Le sere azzurre d’estate, andrò per i sentieri, punzecchiato dal grano, a calpestare erba fina: trasognato, ne sentirò la freschezza ai piedi. lascerò che il vento mi...

Io pronuncio il tuo nome

0
Io pronuncio il tuo nome Io pronuncio il tuo nome nelle notti oscure, quando giungono gli astri a bere nella luna, e dormono i rami delle fronde occulte. Ed io mi...

Come la notte…

0
Come la notte tiene nascosta nel buio l’ansia di luce così nel profondo del mio cuore senza ch’io me ne renda conto un grido risuona: Voglio te, solo te! Come...

In modo inimitabile…

0
In modo inimitabile la vita sa mentire: al di là di attese e smentite… Ma dal tremito di tutte le vene lo puoi capire: è viva! Come stesi...

Tra i rami

0
Tra i rami indecisi andava una donzella ed era la vita. Tra i rami indecisi. Con uno specchietto rifletteva il giorno che era lo splendore della sua fronte pura. Tra i rami indecisi. Sopra le tenebre andava...

Sto modellando la tua ombra

Sto modellando la tua ombra Le ho già tolto le labbra, rosse e dure: bruciavano Te le avrei baciate ancora molte volte. Ti fermo poi le braccia lunghe nervose, rapide. Mi...

Quando…

0
"Quando nella stanza sarà portata la lampada accesa io andrò via. Tu forse allora ascolterai la notte, e, anche se io tacerò, sentirai la mia canzone." RABINDRANATH...

Domani…

0
Domani tappezzerò la camera con carta da parati gialla e vivrò come in una casetta di biscotti. {Una poesia di Andrej Sen-Senkov da Poesia del Novecento in Italia e in Europa}

Giorno e notte

0
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi d'arpa vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.            Giuseppe Ungaretti