Una sera, una poesia

“Però non mi spiego perché in un’epoca in cui tutti vanno veloci e nessuno ha mai tempo, la poesia non trovi lettori; per la sua immediatezza, è la forma della contemporaneità. A leggerne una si impiega un minuto e, se buona, ci si pensa fino a sera. Dovremmo iniziare la giornata con una o due poesie, magari questo cambierebbe il mondo”
Jòn Kalman Stefànsson, poeta e scrittore islandese.

Registrati e invia le tue poesie preferite, in alternativa invia una email al nostro indirizzo poesia@ nuovatlantide.org e saranno pubblicati in questa sezione.

Qual cuore…

Qual cuore può soffrire l'incanto inesorabile della notte abbagliante e il firmamento fatale senza erompere un grido puro siccome un'arma? " P. Valery

Ci impegnamo…

Ci impegniamo noi e non gli altri unicamente noi e non gli altri. Né chi sta in alto né chi sta in basso, né chi crede né chi...

Giorno e notte

I giorni e le notti suonano in questi miei nervi d'arpa vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.            Giuseppe Ungaretti

Mi sento….

Mi sento negli occhi attenti alle fasi del cielo dell'uomo rugato come la scorza dei gelsi che pota Mi sento nei visi infantili come un frutto rosato rovente fra gli alberi spogli Come una nuvola mi...

Amo…

Amo tutto ciò che è stato, tutto quello che non è più, il dolore che ormai non mi duole, l’antica e erronea fede, l’ieri che ha lasciato dolore, quello...

C’è tra voi….

C'è fra voi chi cerca la compagnia delle persone loquaci per timore della solitudine. Il silenzio della solitudine svela infatti ai loro occhi la loro nuda essenza, cosa dalla quale...

Sto modellando la tua ombra

Sto modellando la tua ombra Le ho già tolto le labbra, rosse e dure: bruciavano Te le avrei baciate ancora molte volte. Ti fermo poi le braccia lunghe nervose, rapide. Mi...

A proposito di… Parole

A proposito di....Parole Le parole sono simulacri di diamanti levigati a riflettere bagliori di frutti maturi a incantare il cuore di canti immemori a solcare mari di sogni intrecciati a terre lontane di lame affilate a...

La più misteriosa…

La più misteriosa La più laconica La più ombrosa nella tua sconfitta c'è un fulgore che il vincitore non conosce lì infossata scopri il senso delle...

Sostammo…

Sostammo, e avventurammo lo sguardo Giù per le verdi fauci dolenti, E ci si sciolse il vigore nel petto Come quando si perde una speranza. Dentro gli dorme...

Di tutto restano…

Di tutto restano tre cose: la certezza che stiamo sempre iniziando, la certezza che abbiamo bisogno di continuare, la certezza che saremo interrotti prima di finire. Pertanto, dobbiamo fare: dell’interruzione, un nuovo cammino, della...

Mi sento

Mi sento diffuso in un bacio che mi consuma e mi calma. Giuseppe Ungaretti

Ultimi Articoli

Elezioni Emilia: Centro (Bonaccini) contro periferie (Borgonzoni)?

 Claudio Bozza per il “Corriere della sera” BONACCINI Piazza Maggiore a Bologna riempita a sorpresa da 15 mila «sardine» è lo specchio fedele dell' orientamento politico di...

I mercanti di Venezia

Il mercante di Venezia è una storia in cui non c'è un "cattivo": è una cosa piuttosto rara perché questi personaggi sono molto utili per...

Gli effetti benefici dell’olio di sardina

di Lanfranco Turci Le sardine di Piazza Maggiore, che nessuno si aspettava, possono segnare la svolta decisiva della campagna elettorale regionale, proprio per la carica spontanea...