Riforme Costituzionali

Pubblicato il 27 dicembre 2017 | di Tomaso Montanari

0

70 anni fa l’assemblea Costituente approvava la Costituzione

di Tomaso Montanari – 22 dicembre 2017

Care socie e cari soci di Libertà e Giustizia,

faccio mia, con grande piacere, la consuetudine degli auguri del presidente all’Associazione, scegliendo però un giorno del tutto speciale: questo 22 dicembre.

Nel tardo pomeriggio del 22 dicembre del 1947, esattamente settanta anni fa, l’Assemblea Costituente approvava la Costituzione. Quel giorno il nostro Paese poté compiere un passo straordinariamente importante, e i più lucidi tra i padri costituenti lo compresero benissimo, come si evince, per esempio, da questa riflessione pronunciata da Piero Calamandrei in Assemblea: «Io mi domando, onorevoli colleghi, come i nostri posteri tra cento anni giudicheranno questa nostra Assemblea Costituente: se la sentiranno alta e solenne come noi sentiamo oggi alta e solenne la Costituente Romana, dove un secolo fa sedeva e parlava Giuseppe Mazzini. Io credo di sì: credo che i nostri posteri sentiranno più di noi, tra un secolo, che da questa nostra Costituente è nata veramente una nuova storia».

Calamandrei non si sbagliava, e questa nuova storia, tutta da costruire, si saldava a ciò che di più vivo e di più alto era stato nella grande storia italiana. È suggestivo ricordare che in quel 22 dicembre di settanta anni fa, subito dopo il voto e dopo il saluto del Presidente della Repubblica provvisorio Enrico De Nicola, fu letto in aula un telegramma di congratulazioni della città di Venezia, che vedeva nella Costituzione appena approvata la realizzazione del «sogno di tanti martiri del primo Risorgimento italiano, meta raggiunta a prezzo di tanti sacrifici e di sangue in questo secondo Risorgimento». Subito dopo, il presidente del Consiglio dei ministri, Alcide De Gasperi, intervenne in aula pronunciando parole terribilmente impegnative per il suo, e per i successivi esecutivi della Repubblica: «Il Governo ora, fatta la Costituzione, ha l’obbligo di attuarla e di farla applicare: ne prendiamo solenne impegno».

È tutta racchiusa in questo giuramento la storia politica che sarebbe venuta dopo. Una storia in cui la fedeltà al progetto costituzionale e il suo tradimento si alternano continuamente, affiancando grandi conquiste politiche e sociali a grandi sconfitte o a grandi rinunce.

Sappiamo, lo abbiamo appreso sulla nostra pelle, che gli ultimi successori di De Gasperi non hanno onorato il suo solenne impegno di quel 22 dicembre: invece che «attuarla e farla applicare», questi governi l’hanno di fatto smontata, umiliata, dimenticata. Fino a provare a stravolgerla, a deformarla, a menomarla. Non è un caso che questa stagione di rimozione della Carta fondamentale presenti altri sintomi inquietanti: la rinascita di un fascismo drammaticamente simile a quello storico, la leggerezza con cui, anche ai vertici dello Stato, si dimenticano le responsabilità terribili dei Savoia. Sembra, insomma, che abbiamo rimosso la grande lezione degli Anni Quaranta del Novecento: quasi che la retorica della ‘modernizzazione’ (il mantra del pensiero politico di Tony Blair che ha dominato l’Europa e l’Italia degli anni Novanta) e della sua riedizione italiana in sedicesimo (la ‘rottamazione’) ci abbiano convinti che non abbiamo più nulla da imparare dalla nostra tragica storia.

Ebbene, Libertà e Giustizia è convinta del contrario. Sentiamo che l’impegno che De Gasperi prese quel 22 dicembre non riguarda solo i governi, ma tutti noi. E crediamo che la nostra parte sia quella di contribuire alla costruzione di una diffusa e solida cultura della Costituzione. Solo all’ultimo momento, nella discussione mattutina di quel 22 dicembre, si aggiunse ai principi fondamentali (nell’articolo 9) il «concetto dello sviluppo culturale in genere» (Meuccio Ruini): ecco, questo è il terreno di elezione di Libertà e Giustizia.

Le nostre scuole, i nostri seminari, i nostri incontri, i nostri dibattiti, le nostre prese di posizione nel discorso pubblico: tutto questo ha il fine di sviluppare una cultura della Costituzione che è il principale degli strumenti per esercitare veramente la nostra sovranità di cittadini.

È questo l’augurio che desidero farvi e farci, in questo 22 dicembre che per noi di Libertà e Giustizia apre in modo tutto speciale le festività di fine anno del 2017: continuiamo a lavorare insieme per costruire strumenti di sovranità e di cittadinanza.

Con il saluto più affettuoso a ciascuno di voi e alle vostre famiglie

Tomaso Montanari

Presidente di Libertà e Giustizia

Autore Originale del Testo: Tomaso Montanari

Nome della Fonte: Libertà e Giustizia

Tag:



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.

  • Commenti recenti


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate