Home Lavoro

Lavoro

Camillo Olivetti lasciò l’azienda di famiglia al figlio Adriano nel 1932 con una sola raccomandazione: “Tu puoi fare qualunque cosa, tranne licenziare qualcuno per motivo dell’introduzione dei nuovi metodi perché la disoccupazione involontaria è il male più terribile”.

#Whirlpool. Calenda: Luigi di Maio ecco le prove che hai mentito

di Carlo Calenda - 15 giugno 2019 Luigi Di Maio, ecco tradotta in italiano l’inchiesta di POLITICO Europe in cui ci sono le prove di quello che...

La fine della classe operaia (I)

di Fausto Anderlini - 14 giugno 2019 Una fatale coincidenza ha voluto che partecipassi a un bellissimo convegno sulla 'classe operaia' organizzato in quel di...

Gli stipendi in Italia sono fermi a vent’anni fa

di Alessio Amorelli  18 febbraio 2019 La classe politica italiana che ha governato negli ultimi trent’anni ha fallito. Non lo dice un esponente del governo...

I pesci ci sono

di Raniero La Valle - 11 febbraio 2019 Nei Vespri di sabato scorso, il Vangelo di Luca raccontava di un’occasione in cui c’era una grande...

La giornata del ritorno dei sindacati: “il governo ci ascolti”

di Alfredo  Morganti - 9 febbraio 2019 Avviso. Se ci fosse qualcuno che si è perso un 'popolo', e magari pensa che sia 'popolo' il...

Mezz’ora in più. Maurizio Landini

di Maurizio Landini trascritto da Giovanna Ponti "Quella della Sea Watch è una situazione inaccettabile, le persone vengono prima. E bisogna smettere di usarle a...

Chiara Saraceno: «Non chiamiamolo più reddito di cittadinanza»

Intervista. La sociologa, autrice de "Il lavoro non basta. La povertà in Europa negli anni della crisi": «Contro i poveri è usato un linguaggio indecente....

Il Sud, il reddito di cittadinanza e la politica del lavoro che non c’è

di Francesco Drago e Lucrezia Reichlin - 21 ottobre 2018 Non si spende per mettere il Sud nelle condizioni per ripartire, si compensa questa parte del...

Amazon addio

da comune-info.net Nata come semplice libreria on line, Amazon è oggi il brand più ricco e potente del mondo. Poco importa se intanto le librerie...

Pensioni: quota cento, all’incirca

di Alfredo Morganti - 26 settembre 2018 Fatemelo dire: con la quota cento ormai non ci si capisce più un cazzo. I limiti e i...

L’inganno delle pensioni

L'INGANNO DELLE PENSIONI - di MASSIMO FRANCHI - ed. IMPRIMATUR recensione di Roberto Ciccarelli - 25 settembre 2018 Come ti abolisco la riforma Fornero «Tanto noi la...

Pensioni: quota 100 con 62 varrà per pochi (con tante beffe)

di Massimo Franchi - 13 settembre 2018 #Pensioni. Un miraggio i 38 anni di contributi per usuranti, donne e chi ha subito la crisi. E...

Ultimi Articoli

I Posteri cosa ricorderanno di questi anni ? La realtà la si sta descrivendo...

Di Maio: a noi non interessano le poltrone, ma parliamo di programmi e di cose da fare, o Conte o nessun altro, però! E strizza...

Il Compagno Cesare Pavese, “non è un buon compagno” ?!

  « "P. non è un buon compagno"....discorsi d'intrighi dappertutto. Losche mene, che sarebbero poi i discorsi di quelli che più ti stanno a cuore»,...

La politica dei “Peones”

    Sentite le dichiarazioni del Presidente della Repubblica di giovedì 22 agosto 2019, al termine del primo giro di consultazioni, mi sembra che la prospettiva...