Società

Pubblicato il 10 novembre 2017 | di

0

I calendari di Mussolini in edicola e la nostra memoria

di Domenico Massano – 10 novembre 2017

Mancano solo due mesi alla fine del 2017 e nelle edicole s’iniziano a vendere i nuovi calendari 2018, anno in cui si ricorderà, tra le altre cose, l’infame promulgazione della legislazione razziale fascista nel 1938, le cui tracce, purtroppo, sembrano potersi ravvisare ancor oggi in alcuni recenti episodi di cronaca. Non si può, quindi, non essere colti da un misto di sconcerto e preoccupazione nel vedere esposti quasi ovunque diversi calendari intitolati a Mussolini. Rattrista ulteriormente scorgerli nell’edicola davanti all’uscita delle casse della COOP di Asti, su cui, sino a poco tempo fa si potevano ancora trovare i volantini della campagna di sensibilizzazione “Il razzismo non conviene”.

La Cooperazione di consumo fu, inoltre, una delle prime vittime delle violenze fasciste e anche per questo due anni fa, la direzione della COOP di Reggio Emilia, non appena fu informata di un episodio simile, si adoperò subito per far rimuovere i calendari, scusandosi con la clientela. Non credo, tuttavia, si tratti solo di una questione legata a diversi contesti aziendali e territoriali. Ritengo, piuttosto, che questi episodi siano indice della diffusa e progressiva perdita di una memoria storica condivisa, necessaria per non dimenticare violenze e persecuzioni perpetrate a danno di molte, troppe persone. Alcuni anni fa, Emilio Gentile stigmatizzava la tendenza alla “defascistizzazione” del fascismo, all’emergere di una “rappresentazione alquanto indulgente, se non proprio benevola, dell’esperienza fascista”, con i conseguenti rischi che questo può avere sia per lo stato di salute della nostra democrazia, sia per le libertà individuali di tutti noi. Credo che queste parole siano di grande attualità e da prendere in seria considerazione, soprattutto a conclusione di un 2017 che ha evidenziato il preoccupante riemergere di una retorica celebrativa del nazionalismo razzista fascista, di fronte alla quale anche un calendario, forse, dovrebbe interrogarci, se non vogliamo correre il rischio che questa tendenza si trasformi in qualcosa di ben più grave. http://www.domenicomassano.it/2017/11/i-calendari-di-mussolini-in-edicola-e.html

Nome della Fonte: www.domenicomassano.it

URL della Fonte (link): http://www.domenicomassano.it/2017/11/i-calendari-di-mussolini-in-edicola-e.html

Tag: ,



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate