Politica

Pubblicato il 17 giugno 2017 | di Luigi Altea

0

Il danno e la beffa

Bruno Tabacci è il cofondatore dell’area politica che si propone di rifondare il centrosinistra.

Siccome non è solo, ma con lui c’è anche Giuliano Pisapia, la nuova formazione è stata chiamata Insieme.

Insieme loro due. Le truppe seguiranno. Purtroppo.

Pisapia e Tabacci insieme sono stati anche al Comune di Milano, uno come sindaco e l’altro come assessore.

Insieme hanno fatto rifiorire le grandi periferie della loro città, anche se a scapito dei quartieri più ricchi.

Non poche famiglie della grande borghesia milanese hanno preferito svendere i loro attici, pur di riuscire a trasferirsi in qualche bilocale di Quarto Oggiaro, di Rogoredo, di Gratosoglio, o di Musocco: periferie dove il traffico è scarso, l’aria è respirabile, e dove fare jogging la sera, al buio, da soli…è un’attività salutare, oltre che gratuita.

Insieme, Tabacci e Pisapia, hanno ovviamente votato SÌ al referendum del 4 Dicembre.

Galvanizzati dal successo referendario…hanno deciso di perseverare. Per il bene della sinistra e della povera gente.

C’è un gran fermento d’iniziative ad Insieme, che appare in grande spolvero.

Nel senso che Pisapia sta rispolverando come futuro premier Romano Prodi, mentre Tabacci ha già rispolverato Angelo Sanza, notissimo esponente della sinistra, che durante la lunga militanza ha attraversato in lungo e in largo il campo progressista, senza mai sconfinare: DC, PPI, UDC, Forza Italia.

Poiché ad Insieme non si fa mai nulla da soli, oltre a Sanza è stato rispolverato anche Michele Pisacane, altro notissimo “pasionario” della sinistra meridionale, di culto mastelliano.

E tuttavia sarebbe sbagliato pensare che ad Insieme possa entrare chi vuole.

Se uno è stato di sinistra, soprattutto se è stato un dirigente del PCI, o se addirittura è stato segretario dei DS, la sua eventuale domanda d’adesione sarà attentamente valutata.

Insieme sì, ma non tutti, e soprattutto niente infiltrati.

Un democristiano, già fondatore della “Rosa bianca”, che contrae un’unione civile con un laicissimo rifondarolo, allo scopo di rilanciare la sinistra italiana… sembra incredibile.

E’ come se Stalin avesse cercato di diventare direttore di Famiglia Cristiana, per aumentarne la diffusione…

Sembra uno scherzo, ed invece è tutto vero, maledettamente vero!

La strana coppia va d’amore e d’accordo.

I due si contagiano a vicenda.

Tabacci pare sia pronto perfino a partecipare a feste orgiastiche e a banchettare a base di embrioni scongelati…

E Pisapia dicono che stia diventando devotissimo, quasi bigotto.

Qualcuno lo chiama già Pisa-pio.

Coraggio. Forse le sorti della sinistra stanno per cambiare verso.

Fino ad ieri tutti a dire: la sinistra scende, scende, scende…

Oggi sento già ripetere: la sinistra sale, sale, sale, sale…

Sale e Tabacci!

 

 

Autore Originale del Testo: Luigi Altea

Tag: , ,



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate