Mondo

Pubblicato il 9 dicembre 2017 | di Raniero La Valle

0

Destra e sinistra si dividono sul genocidio mentre Trump sposta l’ambasciata

di Raniero La Valle – 5 dicembre 2017

Il presidente americano Trump, mentre decide di spostare la sua ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme, assumendo come decisione dell’Impero la decisione sionista di fare di Gerusalemme la capitale dei soli ebrei dello Stato d’Israele, ha ritirato l’adesione degli Stati Uniti al Trattato dell’ONU “Global Compact” che, almeno in via di principio, cerca di dare una risposta, giuridica e civile, all’angosciosa tragedia dei flussi migratori che attraversano tutto il mondo, per dar loro protezione e regola, al di là della distinzione tra fuggiaschi dalla guerra e migranti in fuga dalla fame.
Sabato 2 dicembre, mentre nell’assemblea romana di Chiesa di tutti Chiesa dei poveri si rilanciava l'”appello a resistere” contro le politiche di genocidio, al Palazzo di Vetro veniva proclamato dalla rappresentanza americana che “il Global Compact sulle migrazioni è incompatibile con le politiche di questa Amministrazione su immigrati e rifugiati e in contraddizione con i principi di Donald Trump sull’immigrazione. Pertanto gli Stati Uniti mettono fine alla loro partecipazione”. Questa decisione viene dopo la denuncia degli accordi di Parigi sul clima, l’uscita dall’UNESCO e i tagli ai contributi alle missioni dell’ONU; non la si può liquidare come una bravata estemporanea di Trump, essa è fino a prova contraria una decisione del governo e del popolo degli Stati Uniti. Essa significa che gli Stati Uniti passano (o restano) dalla parte del genocidio, perché, come ha detto il medico di Lampedusa Pietro Bartolo alla riunione fondativa del nuovo movimento politico “Liberi ed eguali” ed è stato sottolineato da una standing ovation, le stragi di migranti e profughi, come quelle che si ripetono nel Mediterraneo, sono un genocidio, sono un olocausto, oggi a tutti noto come invece non era noto settant’anni fa il genocidio della Shoà.
Ma, nel momento in cui i responsabili della politica e del potere fanno la scelta del genocidio, come ora la fa Trump, essi decidono in realtà per il suicidio del loro stesso popolo: è chiaro infatti in questo caso che votare contro la vita dei migranti, significa votare contro la vita degli Stati Uniti, che sono essi stessi un popolo di migranti; i suoi cittadini non sarebbero neanche là se non vi fossero sbarcati un giorno, come del resto il popolo d’Israele non sarebbe neanche là, se non vi fosse arrivato da terre lontane, nel primo e nel secondo esodo. Perciò lo ius migrandi che noi rivendichiamo non è una novità di oggi, e non è nemmeno un’invenzione di Francisco De Vitoria all’inizio della modernità, è la storia stessa del mondo, fin dal principio; lo diceva anche De Vitoria nella sua sua “relectio de Indis”: “all’inizio del mondo, quando tutto era comune era lecito a ognuno trasferirsi e muoversi in qualunque regione volesse; ora non pare che la divisione dei territori abbia annullato questo diritto, dal momento che l’intenzione dei popoli non è mai stata di abolire, con quella divisione, la comunicazione reciproca fra gli uomini. Non sarebbe lecito ai francesi proibire agli spagnoli di muoversi in Francia o anche di vivervi, né viceversa, purché questo non rechi loro danno e tanto meno faccia loro torto”, e questo perché “totus orbis aliquo modo est una respublica”, tutto il mondo in qualche modo è una repubblica. E chi può dimenticare che in gran parte dell’Europa, al di sopra di Roma e dell’Italia, il cristianesimo stesso sia stato portato dai Goti ariani (nel senso di seguaci di Ario) del vescovo Ulfila?

Autore Originale del Testo: Raniero La Valle

Tag: , ,



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate