Il sogno dei pendolari? Trovare l’amore in treno

0
379

 

 racconto di Gaetano Cappelli da Il Corriere della Sera

Aveva il cappottino e gli occhi nocciola, così in treno incontrai l’anima gemella.

Mi ero appena laureato e già mio padre s’era messo in testa di trovarmi un lavoro. Il guaio fu che ci riuscì subito Oh, solo una piccola supplenza in una scuola media a Battipaglia.
D’altronde che potevo aspettarmi? Letterato io, preside lui. “Un mese per iniziare. Poi si vede” Mi strizzò l’occhio, “magari la collega s’aggrava”.
Fossi stato credente, dopo la prima settimana, sarei andato ogni giorno in chiesa ad accendere un cero perché, invece, guarisse al più presto. Il fatto è che avrei anche sopportato i trentadue scalmanati, oltretutto piuttosto maleolenti, che mi accoglievano in classe ogni mattina. Sarei pure passato sopra le ore che perdevo a spiegargli quando la “e” vuole l’accento e si usa il congiuntivo. Quello che proprio non reggevo era alzarmi all’alba la mattina. Pur essendo patente munito, facevo infatti parte di una delle poche famiglie italiane che aveva superato gli anni del boom perfettamente demotorizzata e mi toccava quindi prendere il treno e lì ascoltare i soliti discorsi, appunto, “da treno”.

Il panorama femminile poi, al netto di qualche vamp su zeppe altissime, il trucco pesante e le calze a rete già alle sette di mattina, era scarso e poco seducente. Era pieno di maschi, invece. Parlavano di calcio per lo più, o di quello che avevano visto in tivvù; o se ne stavano taciturni, imbambolati, con lo sguardo fisso in avanti, sopraffatti dall’angoscia meridionale: i telefonini non li avevano ancora inventati.
La faccenda peggiorò quando, dopo un luminoso ottobre, sprofondammo nel più cupo dei novembre. L’unico modo per sopravvivere fu munirsi di un walkman, e, con le mie cuffiette, isolarmi nel remoto mondo dei suoni.
Finchè un mattino, un raggio di sole venne a rischiarare la mia triste esistenza pendolare. Lei aveva un manto setoso di capelli e dei meravigliosi occhi nocciola, un abito a piccoli fiori che sporgeva dal cappottuccio di lanetta ciclamino e… essì delle bellissime gambe.
Che salisse proprio a Bella fu il primo segno del destino. L’altro, che tra i posti liberi scegliesse proprio quello di fronte al mio. Che nelle cuffie avessi Harold Budd, con la musica più romantica del mondo, il terzo. Quando poi vidi che squadernava Addio ma amata di Chandler, non ebbi dubbi.
Era lei, l’avevo finalmente trovata, la mia anima gemella! Almeno la seconda perchè ce ne avevo già una prima. Me ne restai, comunque, in paradiso fino a Eboli – dove com’è noto pure Cristo s’è fermato: figuriamoci se non quella madonna!
E da quel giorno altro non aspettavo che di risalire in treno e mentre la locomotiva sferragliava tra le pozze di bruma della campagna e i nostri sguardi ogni tanto si incrociavano e il mio sfiorava le sue meravilliouse gambe, be’, mi pareva che qualcosa unisse ormai le nostre anime di supplenti pendolari al di sopra di ogni umana miseria.

Così non mi meraviglia affatto leggere oggi il risultato, che, a prima vista sembrerebbe esagerato, di quell’indagine del magazine Libreriamo che ci rivela come alla domanda su cosa vorrebbe accadesse durante il viaggio, ben la metà dei pendolari risponde: incontrare l’anima gemella, confermando così che, nonostante tutto, restiamo un popolo di sognatori.
Per i pochi poi che volessero sapere come finì con la mia anima gemella ferroviaria… ehm, purtroppo pure lei doveva già averne una. E, in un’infausta mattina, la vidi arrivare con questo tizio. Eccosì gli altri giorni. Scendeva a Eboli e sicuro non era un Cristo; più facile fosse un supplente pendolare anche lui. Ma questo non feci in tempo a saperlo perchè, intanto, la collega guarì ponendo fine a quel mio insopportabile strazio.
—————–
Gaetano Cappelli è uno scrittore italiano nato a Potenza nel 1954.
Nel 2008 ha vinto il “Premio Letterario Bigiaretti” di Matelica e il “Premio Speciale” dell’Università degli Studi di Camerino per il volume Storia controversa dell’inarrestabile fortuna del vino Aglianico nel mondo, e il “Premio John Fante” di Torricella Peligna per Parenti lontani. Nel 2009 il “Premio Hemingway” di Lignano Sabbiadoro con La vedova, il Santo e il segreto del Pacchero estremo.

—————–

Ecco l’indagine di LIBRERIAMO, il social book magazine per la promozione dei libri e della lettura

 Un pendolare su due sogna di incontrare in viaggio l’anima gemella

Costretti a spostarsi dalla propria città per lavoro, studio o semplicemente piacere, il treno e’ il mezzo preferito da chi deve spostarsi nei grandi centri urbani. In occasione del lancio del Pendolibro, il primo open ebook realizzato dai pendolari italiani, abbiamo raccolto tic e manie dei pendolari italiani

MILANO – Trasmette un senso di romanticismo, rievoca grandi incontri, permette di ammirare paesaggi e sognare con la fantasia. Per oltre un pendolare su 3 (34%) il treno e’ il mezzo preferito per viaggiare e spostarsi. Altro che aereo, macchina o tram cittadino. Sia che si viaggi per lavoro, per studio o semplicemente per puro piacere, il treno risulta essere l’ideale per chi deve spostarsi. Preoccupati per cio’ che li attende a lavoro (37%), sempre pronti a commentare stranezze e particolarita’ dei propri compagni di viaggio (31%), quasi un pendolare su 2 (48%) spera nel corso del viaggio di trovare l’anima gemella. Cosa infastidisce di piu’ in viaggio? Ritardo (64%), sovraffollamento carrozze (58%) e maleducazione altrui (51%). E’ quanto emerge dalla nostra indagine realizzata in occasione della pubblicazione del Pendolibro, il primo open e-book realizzato con i racconti dei pendolari italiani.

BOOM DI PENDOLARI – Negli ultimi anni in Italia si e’ registrato un vero e proprio “boom” di pendolari. Secondo gli ultimi dati Censis, oggi i pendolari sono 14 milioni 195mila, pari al 23,4% della popolazione con piu’ di 14 anni, con un incremento di un milione di pendolari negli ultimi cinque anni.  “Il fenomeno del pendolarismo riveste una sempre maggiore importanza nella societa’ moderna – afferma Saro Trovato, sociologo e direttore di Libreriamo – Attraverso il Pendolibro, abbiamo voluto raccogliere le loro esperienze e sensazioni, gli incontri, i sogni, le speranze e le delusioni, permettendo loro di esprimersi attraverso questo open ebook”.

PENDOLARI PER SCELTA – Perché “si diventa” pendolari? La maggioranza (65%) e’ costretta a percorrere diversi chilometri al giorno a causa del costo della vita troppo caro nei grandi centri urbani. Altri sono costretti a fare avanti e indietro a causa dei trasferimenti della propria sede di lavoro (48%) e per seguire corsi di formazione (35%). Gli studenti, invece, si spostano lontani dalla propria abitazione per la mancanza di Universita’ nel proprio centro urbano. Perché i pendolari scelgono di spostarsi sui mezzi pubblici? La maggioranza (36%) lo fa per risparmiare, altri per perdere meno tempo (24%) e perché in questo modo non affrontano le classiche problematiche legate al parcheggio (21%). Come impiegano i pendolari il tempo durante il viaggio? La maggioranza gioca al cellulare (29%), altri entrano gia’ in clima lavoro/studio cercando di ultimare le ultime cose o ripetere la lezione (21%), mentre il 18% passa il tempo in compagnia di un buon libro. Il 12% naviga su internet o vede video sul proprio tablet, mentre il 9% ne approfitta per fare nuove conoscenze con i propri compagni di viaggio.

VOGLIA D’EVASIONE – A cosa pensa un pendolare nel corso di un viaggio? Principalmente alla giornata e agli impegni che l’attendono (37%). Altri volgono lo sguardo intorno e riflettono su stranezze e particolarita’ dei propri compagni di viaggio (31%), mentre c’e’ chi guardando dal finestrino pensa alla voglia di evadere lontano dalla routine quotidiana (23%). Cosa vorrebbero che accadesse durante il viaggio? Quasi la meta’ dei pendolari (48%) sognano di incontrare l’anima gemella. Altri immaginano di incontrare un personaggio famoso (31%), o un vecchio amico (23%).

I DESIDERI – Cosa infastidisce maggiormente un pendolare nel corso di un viaggio? Soprattutto il ritardo dei treni (64%) e il sovraffollamento della carrozza dove si viaggia (58%). Altro comportamento poco tollerato e’ la maleducazione degli altri viaggiatori (51%) e la mancanza di pulizia sui mezzi (43%). Cosa chiederebbero i pendolari per migliorare la propria esperienza di viaggio? Nella lista dei desideri troviamo l’ammodernamento dei mezzi (72%), piu’ corse nelle ore di punta (67%), piu’ posti a sedere (56%) e reti wi-fi sui mezzi (49%).

23 ottobre 2013 da www.libreriamo.it