Politica

Pubblicato il 19 giugno 2017 | di Alfredo Morganti

0

L’analfabetismo politico e i partiti che non ci sono più

di Alfredo Morganti – 19 giugno 2017

Credo che per fare politica non basti essere ‘intelligente’, capace, brillante. Penso sia un punto dirimente. È come se il soldato fosse armato di tutto punto ma mancasse di sagacia, personalità, stoffa, talento, esperienza, insomma tutto ciò che rende un intellettuale anche un ‘politico’ effettivo. La formula gramsciana è lapidaria: ‘specialista+politico’. ‘Specialista’ sta qui per persona dotata di un consistente bagaglio tecnico-conoscitivo, quasi misurabile, e di una intelligenza pronta ed efficace. ‘Politico’ è invece ciò che manca allo specialista, e che lo renderebbe non un tribuno, un filosofo di vaglio, un audace polemista, un retore, ma un uomo di Stato, un dirigente, o anche solo un bravo militante, uno di quelli che però ‘sposta’ in avanti, riequilibra, riassetta i poteri a partire dal basso. Vedo in questi anni, e sempre più, un vuoto di dirigenti politici veri, e invece un’inflazione a ogni livello di persone acute e intelligenti, incapaci però di sommare strutturalmente a questi saperi lo ‘sguardo’ e il ‘passo’ del politico. Con la fine dei grandi partiti, il terreno politico è divenuto una prateria per i raid di chiunque sappia mettere almeno due parole in fila o leggere tre libri di seguito. Con la fine delle grandi culture politiche, che il PD voleva salvare e che ha invece affondato in via definitiva, è cresciuto senza freni l’analfabetismo politico. Un po’ come dire che un ingegnere idraulico per quanto bravo, non per questo è in grado di riparare con efficacia la perdita di un lavandino.

La politica è una cosa nobilissima perché è un lavoro, non perché sia studio ‘applicato’ alla quotidianità pratica. Richiede capacità che non si imparano sul web o in un corso accademico, dove si apprendono nozioni essenziali di teoria della politica, di sociologia, di storia, di economia politica, ma dove la capacità di mediare, equilibrare, trovare la giusta via, dosare risorse, idee, calibrare programmi, considerare il lato umano, valutare con buona sintesi le economie e le molte variabili in gioco contano essenzialmente. La crisi dei partiti è stata sostituita dalle opportunità che offre la rete, la quale libera opinioni, ma non per questo mette a frutto o produce saperi effettivi. La grande agorà telematica non surroga nemmeno un’unghia del dibattito politico dove i partiti erano magistero quotidiano. Ricordo i miei punti di vista radicali, in gioventù, che entravano nel tritacarne comunista e ne uscivano smussati nel modo più efficace. Non era solo un bagno di umiltà, era la mia opinione al vaglio del mondo grande e terribile, talvolta spietato, della politica-politica. Da lì nascevano militanti e dirigenti. Lì ho imparato quel po’ di equilibrio, abilità di mediazione, visione politica. Oggi vedo solo intellettuali o retori, che hanno talvolta atteggiamenti forti, aggressivi, decisi, e magari citano a ragion veduta libri oppure altri intellettuali, più che citare invece persone in carne e ossa o ‘popolo’, come pure si ama dire. La debolezza della sinistra è strutturale, politica e culturale, non è solo questione di questo o quel vecchio dirigente, di questo o quell’errore antico o più recente. Sarebbe il caso di ammetterlo, finalmente.

Autore Originale del Testo: Alfredo Morganti

Tag: , , ,



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate