Le mie parole oggi sono per i Padri!

0
124

di Marianna Sturba – 25 novembre 2018

È grazie a voi che le vostre figlie impareranno ad esigere rispetto;è attraverso il continuo scontro/incontro con voi che impareranno a confrontarsi con un uomo senza lasciare che questi la inibisca o domini; è grazie alla consapevolezza del vostro abbraccio che cresceranno sicure di potersi ribellare; è grazie allo sguardo che saranno abituate a sentire su sè che sapranno distinguere chi le stima da chi le brama soltanto; è grazie al modo in cui amerete la madre che spiegherete a vostra figlia cosa può pretendere da un uomo.
Riprendetevi il vostro ruolo.

In conclusione vi suggerisco la lettura di questo brano su Artemisia Gentileschi, artista indomita e profonda, che lottò nel 1600 per vedere punito il suo stupratore, e non permise che si attribuisse a quello spiacevole episodio la sua arte, perché non è mai un abuso o una violenza a creare arte….è sempre il frutto di un’anima dotata che, rispetto alla violenza, l’unica cosa che fa, è non permetterle di vincere e non lasciare all’abuso il ruolo ispiratore.
Il quadro con cui accompagno questa lettura, è della stessa Artemisia e rappresenta Giuditta che decapita Oloferne,scelto perché incarna bene la rabbia che provava Artemisia, ma non verso il suo stupratore, ma verso suo padre accusato da lei di non aver preteso giustizia.
NON UNA DI MENO…. MAI PIÙ.

“Padre, per colpa tua tutti mi ricordano per lo stupro e, ahimè, non per la mia arte. Sono la primogenita, nostra madre è morta quando avevo 12 anni. Ho fatto da madre ai tuoi figli.
Li ho accuditi, lavati, vestiti. Io a 12 anni ho smesso di esserti figlia. E tu di essermi padre. La mia ammissione all’Accademia delle Arti è stata una rivoluzione: sono stata la prima donna a ottenere un riconoscimento riservato solo agli artisti maschi. La pittura, come ben sai, alla nostra epoca, era considerata una pratica quasi esclusivamente maschile. Cosa voleva dire essere donna nel 1612: un essere debole, con pochi diritti, molti doveri e l’obbligo di essere pia, sottomessa e feconda. Ma soprattutto inferiore: qualunque marito o padre, fosse anche il più inetto e rimbambito, vale più della donna di cui è legalmente responsabile.
Ho dovuto aspettare un anno perché tu ti decidessi a denunciare Tassi. Non potevo ricorrere alle vie giudiziali autonomamente, dato che all’epoca ciò non era consentito alle donne: dovevano essere i coniugi (o in tal caso il padre) a vendicare l’onta subita. La violenza non era considerata un’offesa alla donna bensì all’uomo che la possedeva, di cui ne era proprietario. Mi facevo chiamare ‘pittora’, per ribadire il mio essere donna. Ho ottenuto importanti commissioni dalle famiglie fiorentine (compreso Cosimo de’ Medici). Galileo Galilei nutriva per me grande stima e chiamavo compare un giovanissimo Michelangelo Buonarroti. Mi ritenevo una sua pupilla, una sua legittima ‘figliola’ d’arte. Sono fiera della mia indipendenza che mi sono conquistata pennellata dopo pennellata. Ho vissuto del mio lavoro non della dote di famiglia, ho viaggiato, sono stata invitata alle corti reali di mezza Europa. Ho cercato di mettere quanta più distanza tra me e lo stupro subito. Una violenza che mi ha devastato il corpo e l’anima. Le prime ferite si sono rimarginate, le seconde no. Sono rimaste scolpite. Sono stata umiliata e torturata. E tu, padre, non hai mosso un dito! Già le dita. Avrei rischiato di perderle per sempre, danno incalcolabile per una pittrice. Il supplizio scelto era quello “dei sibilli” per stritolarmi le falangi.
Mentre lui, il mio carnefice, Agostino Tassi, pur riconosciuto colpevole tornò in libertà dopo meno di un anno. E continuò la sua vita tumultuosa, disseminata di violenza su altre donne. Ma alcune amicizie nei posti giusti gli permisero di cavarsela il più delle volte. Invece io venivo etichettata come pittrice bella e scandalosa che mette in scena se stessa. Come nell’autoritratto dove suono il liuto. Il mio seno prorompente è una provocazione. Ho esorcizzato la violenza subita, l’ho buttata sulla tela. I miei quadri sono carichi di violenza. Scene bibliche, forti, brutali. Qualcuno ha insinuato che Artemisia non sarebbe diventata l’artista che sono se non fossi stata stuprata da Tassi. Che ingiustizia mi ha riservato la storia! Si dovrebbe dunque ringraziare Tassi per aver così contribuito, si fa per dire, alla nascita di me come artista. I miei dipinti sono vigorosi e violenti semplicemente perché io sono Artemisia Gentileschi, per nascita e per temperamento. E soltanto grazie alla mia indole potente che mi ha permesso di superare lo stupro, il processo, il tuo insano rapporto con me. Se proprio volessi ampliare un po’ il ragionamento, il brutale molestatore al quale nel mio celebre dipinto vorrei tagliare la gola, in realtà non è Tassi, ma sei tu, padre. E con te tutto un mondo dove, a seconda se si nasce uomo o donna, avrai tutti i diritti oppure non ne hai nessuno…”