Le Sardine riempiono la Piazza Grande di Modena al canto di Bella Ciao. E Salvini scappa in un ristorante

0
286

Le sardine

Avrebbe dovuto essere a Modena stasera, per l’ennesima tappa del suo circo itinerante dell’odio, con tanto di bestie, clown e domatori.

E invece, all’ultimo momento, ops, il “capitano”, l’uomo che “morirebbe per la Patria” ha cambiato idea. Non sarà a Modena alle 18, come da programma. Troppa la paura di incrociare le migliaia di modenesi che, poco dopo, riempiranno piazza Grande di sardine da sventolare in faccia a chi li vorrebbe “liberare”. Arriverà (forse) più tardi, quasi di nascosto, a una cena, in periferia, lontano da telecamere e giornalisti.

In fondo, ha una sua ironia: un coniglio che scappa di fronte a delle sardine. Se non ci fosse da ridere, ci sarebbe da piangere.
Grazie Modena e, ancora una volta, grazie all’Emilia Romagna. Ci state insegnando cosa significa resistenza civile. Ora tocca all’Italia.

Era prevista un’affluenza talmente alta che la Questura ha preferito spostare il flash mob delle Sardine contro Salvini a Piazza Grande dalla sua location originaria, davanti alla sinagoga. E non è stata una precauzione inutile.
Dopo le 15mila persone che hanno riempito Piazza Maggiore a Bologna, in migliaia si sono riversati anche a Modena nel giorno dell’arrivo di Matteo Salvini, che ha cambiato all’ultimo i suoi impegni per non dover affrontare la contestazione. Il leader della Lega è impegnato in una cena elettorale in un ristorante ben lontano dal centro storico.
Da sotto gli ombelli parte il coro di Bella Ciao, mentre lo studente universitario Jamail Hussein, organizzatore del flash mob, dichiara: “n Emilia non abbocchiamo, eravamo dei perfetti sconosciuti e guardate cosa siamo riusciti ad organizzare, fateci un applauso”.
Parla anche Samar Zaoui, altra promotrice messa sotto accusa dal leader leghista su Facebook per un post contro di lui (‘invocava il mio omicidio’ dice Salvini): “Oggi tutti noi abbiamo vinto con il sorriso, con l’arte e con l’unione. Ci hanno criticato perché siamo giovani, perché non siamo creativi. Continueranno a criticarci. Ditemi voi: questa piazza è carente di creatività?”. “Noooo”, la risposta della piazza.