Nè di destra nè di sinistra, ma di destra

0
222

Il mantra del M5S (tra l’altro ripreso da antichi slogan della destra e dai fascisti ante marcia) è che non esiste politiche di sinistra o di destra, ma solo politiche giuste o ingiuste.
E’ tanto falsa questa affermazione che è solo l’affermazione di un tipo di politica schierata a destra. Dunque “l’ergo” smentisce la premessa!
E’ universalmente riconosciuto che la sinistra ha come finalità l’egualitarismo ossia la riduzione delle differenza fra i diversi ceti sociali (che il marxismo chiama classi e che pone la disuguaglianza come premessa del Liberismo). La destra invece è esattamente il contrario e pone come premessa proprio la disuguaglianza come premessa per lo sviluppo e la crescita (basta leggere il padre del Capitalismo Adam Smith).

Vi è un parametro economico chiamato coefficiente di Gini e misurare la diseguaglianza nella distribuzione del reddito e/o anche della ricchezza. È un numero compreso tra 0 ed 1. Maggiore è la tendenza verso l’1 maggiore sarà la disuguaglianza fra i ceti sociali. Ora l’indice nel 2018 è pari a 0,386 Nel 1980 era pari al 0,285 che ci pone in Europa nella fascia dei paesi con maggiore disparità.
I dati indicano dunque che almeno dal 1980 ci stiamo indirizzando verso una politica di destra con maggiore accelerazione, negli ultimi 15 anni.

Dunque quando vi dicono che non vi è più sinistra nè destra vi stanno dicendo che la loro è una politica di destra ma non lo dicono per catturare il vostro voto!

Dati dal World Inequality Database (WID)