Non rompete le palle, lo ritiro

per Gian Franco Ferraris
Autore originale del testo: Giulio Cavalli, Manuela Sorrenti
Fonte: L'espresso - facebook di Manuela Sorrenti
Url fonte: http://www.giuliocavalli.net/2015/01/04/non-rompete-le-palle-lo-ritiro/

di Giulio Cavalli – 4 gennaio 2015

cavalli

 Dice Renzi che adesso dovete smetterla, che la riforma del fisco torna in Consiglio dei Ministri e sarà corretta.

Dice la renziana Bonafè che adesso dobbiamo smetterla, che “Le leggi ad personam riguardano lo scorso ventennio. Questo governo si occupa di tutti i cittadini. La prova sta nel ritiro”.

Dice Berlusconi che proprio non ce la facciamo a metterlo in mezzo ogni volta. Proprio mentre stava incitando il Milan e Cerci.

Dice il sottosegretario Faraone: “Il nostro governo fa norme che rispondono all’interesse dei cittadini. Di tutti i cittadini. Né norme ad personam né norme contra personam. Di tutto abbiamo bisogno tranne che dell’ennesimo dibattito sul futuro di un cittadino, specie in un momento come questo dove qualcuno teorizza strampalate ipotesi di scambi politici-giudiziari, anche alla luce del delicato momento istituzionale che il Paese si appresta a vivere”.

Nessuno dice “scusate abbiamo sbagliato”, nessuno. Siamo stronzi noi che l’abbiamo notato. E mentre noi puntiamo il dito non ci accorgiamo delle cose che contano: dei viadotti che cadono o i vigili che (forse, a sentire loro) fannulleggiano. Perché su questo Renzi non transige, eh: la pagheranno cara, la pagheranno tutti. Invece.

(Scritto per “scassare la minchia” su L’Espresso, qui)

——————————-

di Manuela Sorrenti – 4 gennaio 2015 su facebook

renzi8-300x199

Eppure, proprio il presidente del Consiglio, nella conferenza stampa del 24 dicembre, al termine del Cdm che aveva approvato il decreto delegato, aveva assicurato i giornalisti con parole che non lasciavano presagire il pasticcio emerso oggi: “C’è la norma sul fisco da distribuire? No, non c’è… vabè ma tanto vado a memoria, l’abbiamo letta tutta punto per punto in Consiglio dei ministri”. Il decreto sull’abuso del diritto serve a “dare certezza fiscale, che è una cosa molto importante. La cosa che abbiamo inserito nel decreto è sintetizzabile in una parola: chiarezza delle regole, sanzioni inasprite per chi evade ma tentativo di porre il pubblico come consulente e non come nemico”.

silvi

Babelezon bookstore leggi che ti passa

Articoli correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.