Mondo

Pubblicato il 14 aprile 2017 | di Emerita Cretella Nuti

0

Pace: per salvare tutti i bambini del mondo, per salvare noi stessi

di Emerita Cretella Nuti – 14 aprile 2016

“Quello che succede ogni giorno non trovatelo naturale. Di nulla sia detto è naturale: il questi tempi di sanguinoso smarrimento, ordinato disordine, pianificato arbitrio, disumana umanità, così che nulla valga come cosa immutabile.”
Così scrive Bertold Brecht, drammaturgo tedesco, pensando a quell’Europa funestata dalla guerra e dalle barbarie commesse su milioni di esseri umani innocenti.
Forse pensava ai bambini morti di fame, di stenti nei ghetti e nei campi di sterminio o vittime dei bombardamenti. Ma queste parole, purtroppo, non appartengono al passato e resta, come una ferita sempre aperta, quel “sanguinoso smarrimento” che prende, ancora oggi, ogni qualvolta in tante parti del mondo si consumano guerre e genocidi nel nome di una religione o di un ideologia. Non più una sola guerra ma tante guerre. Immagini che si accavallano velocemente sui media in cui, ormai, il vituale si confonde con il vero ,in quella velocità mordi e fuggi che ci fa dimenticare facilmente e chiude le coscienze all’indignazione e alla vergogna. Che ci fa guardare senza vedere
Non trovatelo “naturale” perchè le macerie non lo sono, non lo è un Mare Mediterraneo cimitero d’acqua di donne bambini, uomini; povere vite appese a vascelli fantasma e a mercanti esseri umani. Non sono ” naturali” i nuovi ghetti, i muri, i fili spinati per chi fugge dall’inferno e cerca asilo. Non è naturale e inevitabile la guerra, le armi letali nelle mani di pochi che decidono il destino del mondo. E mentre dalla Siria giungono immagini di bambini senza più vita, senza più respiro, soffocati da quella “disumana umanità”, per la quale gli interessi valgono più delle loro vite, ancora bombe su quelle povere macerie, su questi esuli del mondo senza più un nome che ormai non piangono più. Il pianto è un privilegio che spesso il terrore non permette perché pietrifica come statue di sale. Ma se “nulla valga come immutabile” vuol dire che possiamo cambiare il corso delle cose, possiamo urlare, scrivere manifestare il nostro sdegno e toglierci quella corazza di rassegnata indifferenza che molti hanno assunto nell’illusione di restare fuori da questa oscurità vischiosa. Non è così! Bisogna gridarla la Pace, urlare e dire ciascuno il nostro No! Salviamo i Bambini Siriani, salviamo tutti i Bambini ed anche noi stessi. Pace!

Autore Originale del Testo: Emerita Cretella Nuti

Tag: ,



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate