Profilassi necessaria

0
149
Autore originale del testo: Luigi Altea

di Luigi Altea – 26 giugno 2018

Durante il servizio militare, al rientro in caserma, noi soldati dovevamo passare attraverso la camera anticeltica, e sottoporci a profilassi contro le malattie veneree.

Disinfettanti, cotone, garze, pompette…

Un esercizio fastidioso e antipatico, ma assolutamente necessario.

Maurizio Martina, dopo l’ennesima sconfitta del Partito Democratico, ha dichiarato che “non c’è tempo da perdere”.

Non drammatizzerei.

Se dopo aver perso tutto quello che c’era da vincere, perdesse anche il tempo, al PD resterebbe comunque lo spazio.

E per fortuna lo spazio non manca.

Si affrettino, quindi, tutti quelli del PD.

Nella desueta camera di profilassi contro le malattie mentalmente trasmissibili, c’è tanto spazio…

E c’è anche posto per qualcuno che dal PD è uscito, dopo una lunga relazione senza far uso di precauzioni.

Guardiamoli, ascoltiamoli, esaminiamo i loro comportamenti, le leggi che hanno votato e quelle che intendono proporre.

E poi chiediamoci se qualcuno sia riuscito a restare immune dal contagio.

Dopo la “libera uscita” durata molti decenni, le tante frequentazioni pericolose, i frequenti rapporti mercenari, e le pratiche ad altissimo rischio… gli uomini e le donne che vogliono rifondare e rilanciare la Sinistra, dovrebbero prima sottoporsi ad una accuratissima profilassi…

Per eliminare i granuli di leghismo e le scorie di liberismo, che si annidano negli interstizi delle anime smarrite.

Per rimuovere le zone oscure delle cattive coscienze.

Nella valigetta, assieme al kit sanitario c’è anche il libretto delle istruzioni.

Eccole:

Spalmare accuratamente sulla testa, specialmente nella parte implume, abbondanti quantità del pensiero di Antonio Gramsci, attuale ed efficace come la penicillina.

Disinfettare abbondantemente le parti attigue, con molta passione di Giuseppe Di Vittorio.

Su tutto il corpo, dalla testa ai piedi, cospargersi dell’intelligenza, dell’onestà e dello stile di Enrico Berlinguer.

Caro Maurizio Martina, lo so che tutto ciò sembrerà una perdita di tempo.

Senza questa profilassi, tuttavia, i rifondatori frettolosi della Sinistra daranno alla luce soltanto un altro Renzi, un altro, Gentiloni, un altro Minniti e un altro Calenda.

A questo punto… è molto meglio che buttino via il kit, prendano le forbici e si diano un taglio netto!

Questo sarebbe il primo taglio in favore delle classi popolari.