Quando la proporzionalità è data da Y=1/X

0
76

Che la Flat Tax sia una norma classista è evidente a tutti. E per adesso tutti gridano gaudenti che la Flat Tax sembra che non si farà, o almeno che verrà rimodulata.
Ma forse qualcuno non sa, ma siamo già in regime di Flat Tax e fin dal 2015 rimodificata dal 1 gennaio 2019.
La norma è infatti stata approvata con legge 190/2014 (Legge di Stabilità 2015), successivamente è stato riformato con la Legge 208/2015 Governo Renzi.
Tutte le partite IVA con ricavi da 15 mila fino a 50 mila pagano una ritenuta al 15% e una riduzione del 35% sui contributi INPS.
Il governo giallo verde voleva portare i limiti al di sopra dei 50 mila fino a 100 mila.

Per capire come sia classista questa norma basta solo ricordare che un lavoratore che dovesse prendere fino a 40 mila euro di stipendio, e mi limito a questa cifra in quanto oggi in Italia lavoratori che prendono oltre questa cifra annua è difficile da trovarli, paga in maniera progressiva:
FASCIA A (fino a 15.000 euro di reddito): la percentuale che si applica è pari al 23%. Per questa fascia l’Irpef da pagare può arrivare al massimo a 3.450 euro, per i redditi pari a 15.000 euro.
FASCIA B (da 15.001 a 28.000 euro): la percentuale che si applica è pari al 27% . Per questa fascia l’Irpef da pagare può arrivare al massimo a 6.960 euro, per i redditi pari a 28.000 euro.
FASCIA C (da 28.001 a 55.000 euro): la percentuale che si applica è pari al 38%. Per questa fascia l’Irpef da pagare può arrivare al massimo a 17.220 euro, per i redditi pari a 55.000 euro.
Che tradotto significa che chi per chi percepisce 40 mila Euro corrisponde ad oltre il 43%!!!!! Contro il 15% per i lavoratori a partita IVA!!!! E l’estensione la si vuole portare anche per i percettori di ricavi fino a 100 mila.

Già oggi ci troviamo di fronte a una norma classista, ma fondamentalmente anticostituzionale che vuole le trattenute IRPEF proporzionale in base al proprio reddito!!!!
Essere lavoratore dipendente o autonomo non è la stessa cosa per l’IRPEF.

E’ questo governo quanto rosso è?