Rebus Savona. Salvini spara sul garante della Costituzione

0
351

di Fosca Bertona – 26 maggio 2018

Chissa’ se i tanti che urlano invasati il nome di Savona contro la presunta ostilita’ di Mattarella si rendono conto che la partita è ben più ampia e profonda del nome del futuro ministro dell’Economia.
Perchè questa anomala insistenza dei due capi partito su un singolo nome? Nella Lega ci sono altre persone preparate sull’economia, ma Salvini VUOLE, FORTISSIMAMENTE VUOLE solo Savona. Perchè????????
Forse perchè si vuole sminuire il ruolo di garanzia del presidente della Repubblica e asservirlo ai desiderata dei capi partito, sopratutto sulle decisioni future.?
Sembra che la gente non si renda conto della portata di questo. Insomma Salvini e Di Maio stanno cercando di attuare nella sostanza quello che Renzi ha fallito con le riforme costituzionali : ridurre il Quirinale ad un burattino, mero esecutore degli ordini dei partiti vincitori. E – esattamente come Renzi – non si rendono conto che alle prossime elezioni i vincitori potrebbero essere altri e che l’indipendenza del Quirinale potrebbe essere una garanzia anche a loro in futuro. Banale e cieca stupidita’. esattamente come quella di Renzi

-.-.-.-.-.

di Fosca Bertona – 26 maggio

Su media e social impazzano le affermazioni, le illazioni, i pettegolezzi su una presunta ostilita’ di Mattarella verso la candidatura del professor Savona.
Se permettete io vorrei restare ai fatti…… Fino a questo momento Matterella NON HA FATTO UN FIATO su Savona e nessun altro ministro, anche perchè il PdC incaricato non ha ancora sciolto la riserve e NON HA ANCORA presentato la lista dei ministri. Ergo la PRESUNTA opposizione di Mattarella con tutti i pettegolezzi, le disquisizioni, le illazioni derivano ESCLUSIVAMENTE dalle dichiarazioni di due capi partito, privi a tutt’oggi di qualsiasi ruolo istituzionale-. Vorrei che la smettessimo di fare supposizioni sul nulla e sopratutto di farci utilizzare come manganello mediatico preventivo dalle dichiarazioni interessate di due tizi, che attizzano discussioni sul nulla nel tentativo di condizionare il Presidente della Repubblica. Se Mattarella ha delle riserve su qualche ministro sara’ lui a dirlo e a spiegare di che si tratta, non Salvini e Di Maio.

Ps Molti “autorevoli” commentatori politici che in questi giorni urlano contro Sergio Mattarella servo della Unione europea, ieri  omaggiavano Aldo Moro ucciso perchè cercava di fare con autorevolezza una politica indipendente dell’Italia nel Meditterraneo e facevano molte illazioni sulla complicità di Cossiga allora Ministro degli interni con i servizi segreti occidentali. Oggi dimenticano che nel 1978 Sergio Mattarella era uno stretto collaboratore di Moro e Paolo Savona di Cossiga (gf.f)