Ecco che succede a Colonia e a Parigi

per Gian Franco Ferraris
Autore originale del testo: Giulietto Chiesa
Fonte: Alganewa
Url fonte: https://luciogiordano.wordpress.com/2016/01/09/cara-nicoletta-ecco-che-che-succede-a-colonia-e-a-parigi/

questa è l’opinione di Giulietto Chiesa sui fatti di Colonia, tra le molte altre segnaliamo quelle di Natalia Aspesi e di Kamel Daoud pubblicate su La Repubblica, che potete leggere sul nostro sito

di GIULIETTO CHIESA  9 gennaio 2016

(Risposta a Nicoletta Giacometti)
Buon giorno Signor Chiesa, vorrei chiedere a Lei aiuto per chiarirmi delle cose sui fatti di Colonia. L’informazione ci dice che circa un migliaio di persone, probabilmente immigrati di origine araba, hanno aggredito, derubato ed in alcuni casi stuprato delle giovani donne svedesi. Sembra che la polizia non abbia fatto il suo dovere. Ma secondo Lei in una piazza piena di gente che festeggiava non c’erano uomini che avrebbero dovuto e potuto reagire a queste aggressioni? Questo succede normalmente negli stadi, nelle manifestazioni di piazza e come diretta conseguenza feriti da una parte e dall’altra, fermi o arresti di polizia, con relative riprese televisive ed interviste. In questo caso invece ci sono arrivate solo immagini ed interviste di ragazze per altro senza manco un graffio! Non so, tutta la faccenda non mi è chiara e le due cose che mi vengono in mente sono : ci dicono poco per non scatenare reazioni xenofobe o è tutta una montatura. Lei che ne pensa? Grazie

—-

Risultati immagini per giulietto chiesa

E’ una montatura mediatica, che dice con chiarezza (a chi ha gli strumenti per capire) che c’è chi vuole far salire l’isteria della gente. Per evidenti ragioni politiche, cioè per abituare il cittadino a un clima xenofobo. Poi, gradualmente, una volta che il pubblico sarà pavlovianamente abituato, arriveranno misure di limitazione delle libertà civili. Guardi cosa è successo ieri a Parigi. Un giovane di 20 anni viene ammazzato come un cane in strada. La notizia della polizia dice che “aveva un coltello” (testimoni del fatto smentiscono); che ha gridato “Allah u akhbar” (testimoni del fatto smentiscono); che “aveva una cintura esplosiva” (la polizia si smentisce da sola: non aveva nessuna cintura esplosiva). Del resto come facevano a saperlo?). Perché l’hanno ucciso? Probabilmente perché un poliziotto con i nervi tesi ha sparato. Il resto serve per terrorizzare i parigini. E la stampa e i media fanno il resto, bevendo tutto quello che gli viene propinato e travasandolo nei cervelli dell’uomo della strada.

Babelezon bookstore leggi che ti passa

Articoli correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.