Claudio Martelli: “abbiamo sbagliato”, gli errori del Psi e del Pci negli anni ’80

0
968

di Walter Veltroni per il Corriere della Sera

 

martelli craxiMARTELLI CRAXI

Claudio Martelli, c’è un paradosso nella storia politica italiana. Durante la Prima Repubblica, ammesso ne sia mai esistita una seconda, in vari momenti le diverse forze della sinistra avevano una forza superiore a quella della Dc. Ma non hanno mai governato insieme.

«Negli anni 80 effettivamente la sinistra era maggioritaria, sommando socialisti, socialdemocratici, comunisti, radicali. Era certamente maggioranza. Un portato dei referendum, quelli sui diritti civili, su divorzio e aborto. Bisognava concepirla a tappe, questa unità della sinistra: socialisti e laici, uniti, e i comunisti, rispettando i tempi della loro evoluzione, che era in corso. Modificando la prospettiva di fondo di Berlinguer tutta volta al dialogo con la Dc.

claudio martelli bettino craxi gianni de michelisCLAUDIO MARTELLI BETTINO CRAXI GIANNI DE MICHELIS

Lui era veramente convinto che non si potesse governare un Paese come l’ Italia con il 51%. Io penso invece si potesse, perché era un Paese democratico. Ma perché, non ci sono stati lo stesso gli attentati? Hanno rapito Moro per evitare il compromesso storico, quindi non era certo una prospettiva più rassicurante dell’ alternativa. Il compromesso storico serviva a legittimare definitivamente il Pci: il problema storico del Pci era quello. E contemporaneamente a mantenere i tratti della diversità comunista. La legittimazione, nella sua fotografia statica, è cosa diversa da una visione revisionistica della propria storia. La sinistra che ha vinto in Europa è la sinistra non marxista, i laburisti inglesi e la socialdemocrazia tedesca che non erano dottrinari, attingevano, come mi disse Brandt, più a Lassalle che a Engels. Quanto più l’ impianto ideologico è rigido, coerente, implacabile, tanto più prende l’ impronta settaria e il settarismo è la premessa della divisione.

MICHAEL LEDEENMICHAEL LEDEEN

La divisione è la premessa dell’ impotenza o della sconfitta. Ieri come oggi».

Anni 70: quando il Pci propone il compromesso storico il Psi è sulla linea dell’ alternativa, con il congresso di Torino. Poi il Pci, scottato dalla vicenda della solidarietà nazionale, propone l’ alternativa democratica e in quel momento il Psi si immerge nel buco nero del pentapartito. È una conversazione continuamente interrotta. Si è sempre cercato di essere divisi?

«Bisogna essere onesti: per ragioni diverse, forse opposte, né Berlinguer né Craxi volevano l’ incontro. Non per ostilità tra di loro. Per una visione diversa delle cose, ma simile nella scelta dell’ interlocutore principale. Per Berlinguer il grande incontro, quello storico, era con le masse cattoliche e, in un certo senso, anche per Craxi era così. Craxi era veramente convinto dell’ alleanza con la Dc. Lui fino al ’56 affiggeva i manifesti della sinistra unita e c’erano, anche a Milano, sezioni in comune tra i due partiti. Ma l’ Ungheria cambiò tutto, anche in lui. Le sue esperienze cambiano, diventa l’ interlocutore, nell’ Unuri, dell’ala democristiana. In realtà quello che ha sempre diviso i socialisti e i comunisti è la questione cattolica. Ma non nel senso che non fossero d’ accordo. Tutti e due erano convinti fosse la questione decisiva, molto più che i rapporti tra i loro partiti di sinistra. Ma volevano un’esclusiva del rapporto e temevano l’ avesse l’ altro».

martelli falconeMARTELLI FALCONE

Frattocchie 1983, incontro tra Pci e Psi. Che ricordo hai?

«Mah. Una cosa abbastanza fredda, con momenti di aperture reciproche. Però pesava una coltre di diffidenza. Lì c’ è stato un eccesso di chiusura da parte di Berlinguer. Se avesse assunto un atteggiamento diverso nei confronti della presidenza del consiglio di Craxi forse qualcosa sarebbe cambiato.

ENRICO BERLINGUER ALDO MORO 1ENRICO BERLINGUER ALDO MORO 1

Forse, qualcosa. Non era una svolta pazzesca, era un grado di avvicinamento, quello compatibile con il mantenimento delle proprie posizioni. Il compromesso storico era tramontato, l’ unità nazionale pure, si era già votato, quindi si era entrati in una nuova fase. Il Pci, in quella fase, era attratto dall’ idea del “governo degli onesti”. Sono sempre stati molti i giochi di specchi nella storia politica italiana: pezzi della borghesia illuminata che dialogano con il Pci, esponenti della borghesia più dinamica e più nuova che invece dialogano con il Psi. Settori del mondo cattolico e della Dc che guardano piuttosto ai socialisti ed altri che guardano invece ai comunisti. Alla fine però questo gioco era a somma zero e l’ unica che se ne è avvantaggiata è stata la Democrazia cristiana. I due forni sono sempre esistiti. Anche prima di Andreotti. Lui ne è diventato il teorico, tenendo aperte molteplici ipotesi di collaborazione. Era stato l’ uomo del governo a destra con Malagodi, poi della solidarietà nazionale con il Pci, poi del pentapartito con un rapporto preferenziale con il Psi. Una catena di forni, sempre aperti».

ENRICO BERLINGUER ALDO MOROENRICO BERLINGUER ALDO MORO

giovanni falcone claudio martelliGIOVANNI FALCONE CLAUDIO MARTELLI

Vicenda Moro. Nell’ intervista che mi ha rilasciato, Formica si chiede: noi vedevamo Pace e Piperno all’ aperto, non di nascosto, informavamo Viminale e Quirinale, poi Pace e Piperno andavano da Morucci. Perché diavolo i servizi non li hanno seguiti?

«E perché via Gradoli? Il Lago della Duchessa?»

Che idea ti sei fatto di quei giorni?

«La domanda di Rino è pertinente. Come mai nessuno si è mai sognato di seguirli? Sarebbero arrivati alla prigione di Moro. C’ era l’ Unità di Crisi presieduta da Cossiga con addirittura dei collaboratori internazionali, gli americani Pieczenik e Ledeen. Ledeen: quello che, per Sigonella, fece litigare Reagan e Craxi, con una traduzione che esasperò i toni della polemica. Anche quel passaggio non è mai stato chiaro: nella vicenda di Sigonella quali interessi serviva Ledeen dentro l’ amministrazione? La Cia?

MICHAEL LEDEENMICHAEL LEDEEN

Moro: troppi episodi che dimostrano che non lo si è voluto salvare. Fili di collegamento con i servizi cecoslovacchi, c’ è la presenza americana preoccupata, la dichiarazione di Kissinger. E poi le figure di Cossiga e Andreotti. Il primo fa un gioco spericolato e spregiudicato, lo fa essendo amicissimo e legatissimo a Moro.

CRAXI MARTELLICRAXI MARTELLI

Come fai a non impazzire? Ricevi quella lettera e contemporaneamente hai, nella tua Unità di Crisi, gente che dice che non lo vuole trovare o che spera di trovarlo già morto. Altro che non dormirci la notte… Si capisce che poi sia stato male per il resto della sua vita, si è portato sulla coscienza un peso. Anche Andreotti chiuse qualunque varco e pare addirittura che la dichiarazione del Papa sia stata corretta da lui. C’ è da restare sgomenti. Mai visto un’ interpretazione così estrema e così crudele della ragion di Stato. Mai».

Al vostro congresso di Verona Berlinguer viene fischiato. Colpì l’ avallo finale di Craxi: «Se avessi saputo fischiare, avrei fischiato anch’ io». Non si seminava un odio che creava un baratro? Che impressione fecero a uno come te, che nell’ unità della sinistra credeva?

MICHAEL LEDEENMICHAEL LEDEEN

«Beh, devo essere sincero, ero molto combattuto tra la mia educazione e la temperie della lotta politica. Mi dispiace fischiare, inviti uno e poi lo fischi… Però lui aveva appena detto che noi eravamo un pericolo per la democrazia, il governo Craxi era un pericolo. Nei festival dell’ Unità c’ erano gli stand con la trippa alla Bettino. Craxi era un combattente per natura, temperamento e convinzione. Lui è diventato un anticomunista nel ’56, dopo gli anni di esperienza unitaria di cui abbiamo parlato. Esistevano gli anticomunisti democratici, anticomunisti non reazionari, categoria di cui il Pci togliattiano, soprattutto, tendeva a negare l’ esistenza. Se sono anticomunisti sono fascisti.

Kennedy, Moro, Brandt erano anticomunisti, ma certamente democratici. I fischi sono la replica di uno che è in conflitto aperto con i comunisti. Nenni non era mai arrivato a questo, forse neanche Saragat. La categoria del “tradimento” è stata molto presente, spesso tragicamente, nella storia della sinistra. Craxi si ribellava a questi toni e, facendolo, allargava però il solco. Dicendo “fischierei anch’ io”, difende il suo popolo, che lui stesso aveva fomentato, si identifica con esso, non lo delegittima. Quindi, pur essendo lontano dal mio spirito, capivo. Lo capivo e l’ ho anche condiviso. Quando l’ ha detto, ho applaudito anch’ io. Ma tra fischi e insulti la sinistra allontanava la sua unità possibile».

claudio martelliCLAUDIO MARTELLI

Parliamo della parabola di Craxi.

«Guarda la storia del Psi prima di Craxi: la crisi dell’ unificazione socialista nel ’66, la nuova scissione, le peripezie, Mancini, quell’ andamento così plumbeo della segreteria di De Martino: insomma la doppia subalternità. Al governo con la Dc, all’ opposizione con i comunisti.

Liberarsi da questo retaggio è stata un’ impresa titanica, come riprendere un partito esangue, com’ era quello del ’76, e tirarlo fuori dalla sua crisi. Il Psi era malato di divisioni, di velleitarismo che volta per volta diventava massimalismo o ministerialismo. Craxi aveva chiarissime tutte le debolezze strutturali del suo partito, voleva superarle e ha lottato per superarle».

Quando inizia la parabola discendente?

«Nel 1987. Con la fine dell’ esperienza di governo lui diventa lentamente un’ altra persona.

Non credo mi faccia velo il fatto che allora sono cominciati tra di noi dei contrasti. Noi avevamo raccolto le firme con i Radicali per il referendum sulla giustizia giusta e io avevo difeso il diritto di quelli che avevano raccolto le firme sul nucleare a celebrare il loro referendum. De Mita, con la staffetta, ritira la fiducia al governo Craxi. Si aprono le consultazioni. Craxi dice: “O mi ridanno l’ incarico o andiamo al voto”. “Ma tu sei sicuro che ti lascino andare al voto guidando il governo?” “Sono sicuro”. “Io non ci credo”. Puntualmente Cossiga dà l’ incarico a Andreotti.

claudio martelli margherita boniverCLAUDIO MARTELLI MARGHERITA BONIVER

Alle consultazioni vado io. Con Andreotti concordiamo una soluzione per l’ uscita dal nucleare, dopo il referendum, attraverso un nuovo piano energetico nazionale e lui si spinge fino ad aprire sull’ elezione diretta del presidente della Repubblica. Disse: “La Dc non può accettare questa impostazione però ne potremmo accettare una più gradualista. Se, dopo la terza elezione nulla in Parlamento, non si configura nessuna maggioranza in grado di eleggere il presidente della Repubblica, a quel punto si può ricorrere al voto popolare”».

Per la Dc una bella svolta…

«Entusiasta corro da Craxi. È furioso: “Tu la devi smettere di occuparti della crisi, la seguo io”. “Guarda che ci propongono di celebrare i referendum. Noi li vinciamo, andiamo a votare dopo. Che ti frega di tenerti Andreotti per un anno?”. Ma disse no al tentativo di Andreotti, e ci beccammo Fanfani. Nell’ 87 si spezza la fase ascendente. Lo riconobbe: “Ho fatto un unico errore” mi disse, “tornare a via del Corso dopo la presidenza. Avrei dovuto occuparmi di Onu e di Internazionale socialista. Tornando al partito sono passato dal ruolo che avevo conquistato per me e per i socialisti – guidare il governo più duraturo della storia repubblicana e occuparmi delle grandi questioni – a dover brigare per fare ministri, sottosegretari”».

Quando finisce il Psi?

stefania craxi martelli2957STEFANIA CRAXI MARTELLI2957

«Il Psi finisce con Mani pulite. Inutile girarci attorno. Alla vigilia delle elezioni del ’92 il rapporto tra Bettino e me era sempre molto affettuoso, però si era creata qualche distanza. Io pensavo fosse finito il ciclo della coalizione con la Dc e bisognasse rischiare e sperimentare vie nuove. Un sabato sera vado a casa sua. Gli dico che trovo sbagliato impegnarsi con la Dc prima del voto, lo spingo a tenere una mano sulla testa al passaggio da Pci a Pds perché, se noi ci mettiamo a fare i guardiani di una roba finita, il pentapartito, il risultato sarà che loro cercheranno un’ intesa con la Dc. È inevitabile.

Claudio Martelli e Marco DamilanoCLAUDIO MARTELLI E MARCO DAMILANO

Mi ascolta, ma scrolla la testa: “Claudio io li ho combattuti tutta la vita, me ne hanno fatte di tutti i colori. Adesso quella storia è finita, quella del Comunismo internazionale, e io non voglio che nemmeno un calcinaccio di quei muri mi cada in testa. Si arrangino”. Era questa la sua posizione. L’ unità socialista rivestiva, ma in modo difensivo, questa attitudine».

Il congresso di Torino del 1978 e la Convenzione programmatica di Rimini del 1982, famosa per le idee sul «merito e il bisogno», sono punti avanzati del pensiero riformista italiano. Ma poi molto cambia, nella costituzione materiale del Psi. Come se il partito fosse stato «occupato» da persone che, con quei valori, non avevano molta relazione.

«Sì, e Bettino se ne accorse. Ricordo un incontro nell’ ascensore alla Direzione del partito.

martelli 2896MARTELLI 2896Claudio Martelli e Stefania CraxiCLAUDIO MARTELLI E STEFANIA CRAXI

Entra un compagno noto, non dico chi. Lui lo guarda e dice: “Ma a te non ti hanno ancora arrestato? Con quello che stai combinando…”.

L’ affaire politica è sempre esistito, anche nel glorioso primo dopoguerra, anche nel secondo dopoguerra. Mussolini pigliava quantità sterminate di denaro da tutti i suoi foraggiatori e nel dopoguerra i partiti appena nati avevano bisogno di vivere. La Dc prendeva i soldi dalla Cia, il Pci dall’ Unione Sovietica, il Psi per un po’ li ha presi anche lui dall’ Unione Sovietica poi invece sono passati al Psiup, come è poi successo al Pci con Cossutta. Dopo di che il partito si è arrangiato. Naturalmente l’ arrangiarsi era molto più rischioso che non i canali super riservati dei finanziamenti internazionali. Ogni tentativo di mettere ordine, che pure facemmo con Formica e Nesi, fu travolto dalle lotte correntizie interne. Le correnti si devono finanziare e la forma è ancora più rischiosa. Questo andazzo è durato dieci anni. Ma, diciamoci la verità, Tangentopoli e Mani pulite non sarebbero successe senza il crollo dei muri a Berlino Est. Fu un cambio d’ epoca».

Martelli Formica Cicchitto e LeoneMARTELLI FORMICA CICCHITTO E LEONE

Se tu nell’ 87 fossi diventato Segretario cosa sarebbe cambiato nella sinistra italiana?

«Quello era il momento giusto. Avremmo costituito un polo laico e socialista oltre il 20%, e a quel punto il rapporto con il Pci si poteva impostare, ben prima del crollo dei muri, in modo più serio. Quale era la richiesta che Occhetto, il gruppo dirigente del Pci di quegli anni, poneva come una prova di serietà delle nostre intenzioni e di lealtà futura? Che noi sperimentassimo di stare all’ opposizione insieme.

martelli2903MARTELLI2903

Ma Bettino diceva: “Sì, così noi andiamo all’ opposizione e si ritorna al ’76: il Pci si mette d’ accordo direttamente con la Dc”. No, in quel momento bisognava cercare strade nuove. Dopo il ’92, dopo la fine del Psi, quando la sinistra tutta era poco oltre il trenta per cento, avrei lavorato per il Partito democratico, prospettiva della quale, con Occhetto, avevamo parlato».

C’ è un momento, nel ’92, in cui tu hai capito che stava arrivando lo tsunami?

«Non Mario Chiesa. Gli avvisi di garanzia ai due sindaci, Tognoli e Pillitteri. Lì cominciò tutto. La gente che scappava. La catastrofe la avverto nell’ estate del ’92. In quei mesi ero concentrato sulla questione della mafia. E forse non ho percepito per tempo che stava arrivando la grande slavina. Ero ministro della Giustizia e il mio fronte principale era Palermo: avevano ammazzato Falcone e Borsellino, tolto di mezzo Scotti, lo Stato era in ginocchio.

martelli2868MARTELLI2868

Caponnetto diceva “tutto è perduto”. Lo chiamai al ministero per tornare ad impegnarlo. C’ era un clima da fine vera. Io ho avuto paura di un cedimento dello Stato. L’ ho avuta, l’ ho vista ai funerali di Falcone. Quella era la guerra vera. La mafia contro lo stato. E poi il cedimento ci fu. Non c’ è stata la trattativa, c’ è stato un cedimento, unilaterale. Quando Conso dice: “Io e solo io decisi di togliere dal 41 bis centinaia di mafiosi e lo feci per dare un segnale di disponibilità all’ ala moderata di Cosa nostra guidata da Provenzano”, tratta la mafia come fosse un partito.Non è una trattativa, è un cedimento unilaterale».

Un collaboratore di Messina Denaro ha riferito di un attentato in preparazione contro di te. Tu chiamasti Falcone al ministero e questo bastò per scatenare, contro di lui, una polemica durissima.

«La mattina ho giurato da ministro, il pomeriggio ho chiamato Falcone. Gli ho detto di venire a Roma, volevo offrirgli la direzione degli Affari penali. Falcone non era un politico, era il miglior magistrato al mondo, così era considerato. Salvo che a Palermo. Come disse Borsellino anche la magistratura aveva responsabilità gravi. Falcone ha cominciato a morire quando gli preferirono Meli al Consiglio superiore, quando lo fregarono per l’ elezione al Csm, quando lo rifregarono per la nomina a procuratore a Palermo. Il tutto condito, come tu ricordavi, con azione denigratoria pazzesca, che non veniva da anfratti di sovversivi, erano membri del Consiglio superiore della magistratura, ambienti di stampa e politici».

martelli2805MARTELLI2805

Ti ricordi l’ ultima conversazione che hai avuto con Craxi?

Claudio Martelli e Giancarlo SantalmassiCLAUDIO MARTELLI E GIANCARLO SANTALMASSI

«Sì, nel dicembre del ’99. Alla vigilia di Natale. Non lo sentivo da un pezzo. All’ inizio, dopo che era rifugiato a Hammamet, mi aveva lasciato un numero riservato. Lo chiamavo dalle cabine telefoniche. Noi vivevamo come braccati, chi non l’ ha vissuto fa fatica a capire il clima in cui abbiamo vissuto il ’92, ’93, ’94. Abbiamo parlato i primi due anni, poi non so cosa è successo, in esilio. Per due o tre anni sono caduti i contatti. Alla fine Stefania me l’ ha passato al telefono. Mi dice: “Ti devo fare una sorpresa” ed ero felice. Anche lui era molto contento, mi chiese di mio figlio. Mi sono commosso, lui aveva una voce stanchissima. Gli ho detto: “Vengo a trovarti”. “Aspetta un momento, adesso mi sono appena ripreso dall’ operazione”.

Claudio MartelliCLAUDIO MARTELLI

Invece non si riprenderà più. La sua morte è ancora oggi inaccettabile. Non esisteva per il governo la possibilità di prendere un aereo e farlo operare a Madrid, a Parigi, a Tel Aviv? Non si fa operare un ex presidente del Consiglio in un ospedale non attrezzato, con uno dei medici che deve chiedere all’ infermiere di reggere la lampada per illuminare il tavolo operatorio.

martelli pillitteri2979MARTELLI PILLITTERI2979

Napolitano ha ragione: Craxi è stato trattato con una durezza senza eguali. Qualunque cosa abbia fatto è stato trattato con una durezza e spietatezza inaudita, in Italia. Perché? È una storia tragica però bisogna avere il coraggio di ripensarla. Ripensare Craxi non è così un vezzo per i craxiani, o gli orfani, è una necessità, quantomeno un’ utilità per ricomporre una storia. Si sono perdonate cose ben più gravi, nella storia della sinistra italiana, che non il finanziamento illecito al partito».

È finito il socialismo?

Ludina Barzina e Claudio MartelliLUDINA BARZINA E CLAUDIO MARTELLI

«No, io non penso che sia finito, il socialismo. Dedicherò quel che mi resta da vivere a dimostrarlo. È stato un errore credere alla storia della fine delle ideologie, bubbola inventata dal pensiero unico. In realtà, spazzando via insieme con il comunismo anche il socialismo, la socialdemocrazia, i fermenti più radicali delle varie forme di sinistra e persino il liberalismo nella sua forma autentica e le culture democratiche, è rimasta in piedi un’ unica ideologia che è il nazionalismo sovranista.

Prima gli italiani, dicono. Quando uno dice prima gli italiani, prima gli americani, la cosa importante che ti sta dicendo è che tu vieni dopo. Tu non sei importante, non sei come loro. Non esisti, sei un problema. Non una risorsa, come invece è chiunque di noi ».

claudio martelli a servizio pubblicoCLAUDIO MARTELLI A SERVIZIO PUBBLICOUgo Intini e MartelliUGO INTINI E MARTELLIClaudio MartelliCLAUDIO MARTELLIFranchi e MartelliFRANCHI E MARTELLImostra fotografica su aldo moro (9)MOSTRA FOTOGRAFICA SU ALDO MORO (9)Cicchitto e Claudio MartelliCICCHITTO E CLAUDIO MARTELLIClaudio Petruccioli e Claudio MartelliCLAUDIO PETRUCCIOLI E CLAUDIO MARTELLIRosy Greco e Claudio MartelliROSY GRECO E CLAUDIO MARTELLIaldo moro in giacca e cravatta a terracinaALDO MORO IN GIACCA E CRAVATTA A TERRACINA