Conte, Salvini e Di Maio sulla via della seta, la strada tracciata da D’Alema?

0
502

International Finance Forum 2018 Annual Conference – 25/11/2018 –
Intervento di Massimo D’Alema – “New globalisation: a path to the future”, Guangzhou, China

“Sono passati cinque anni da quando il presidente Xi Jinping ha lanciato l’iniziativa Belt and Road (BRI) nel 2013. Si stima che il progetto abbia mobilitato risorse (compresi investimenti diretti e indiretti) di oltre 700 miliardi di dollari, per finanziare più di 1000 progetti. Il progetto coinvolge 76 paesi e, ormai, un gran numero di aspetti: mobilità di persone, cultura, turismo, istruzione, arti dello spettacolo, cooperazione finanziaria, trasferimento di tecnologia e conoscenza. Tuttavia, almeno per ora, la maggior parte degli investimenti si concentra nelle aree dell’infrastruttura, dei trasporti, della logistica e dell’energia: ferrovie, strade, porti e centrali elettriche e reti, principalmente in Asia e in Africa, ma – specialmente per quanto riguarda lo sviluppo del porto – anche in Europa.
Tutti i segnali mostrano che questa iniziativa sta cambiando lo status quo globale e alimenta anche la ripresa economica e lo sviluppo dei paesi coinvolti. Il Forum Cintura e Strada per la cooperazione internazionale a maggio 2017 ha visto la partecipazione di rappresentanti di alto livello di 140 paesi e 80 organizzazioni internazionali; La Cina ha firmato accordi con 80 governi e organizzazioni.
È ovvio che l’importanza di questa iniziativa si estende ben oltre la dimensione economica e potrebbe spostare in modo significativo gli equilibri geopolitici. È quindi comprensibile che il BRI abbia incontrato non solo sostenitori e beneficiari, ma anche sospetti e determinati oppositori. Ciò vale certamente per l’aperta ostilità dell’amministrazione americana e del presidente Trump, che vedono la Cina come un avversario e mirano a bloccare l’espansione cinese per mezzo di una guerra doganale. Ma va ricordato che il Giappone e, in modo diverso, l’India, stanno anche esprimendo disagio e stanno tentando di lanciare iniziative alternative al progetto cinese, anche se più limitate per portata e ampiezza.
L’Europa è apparentemente divisa e mentre, indubbiamente, per diversi paesi europei l’iniziativa cinese offre un’opportunità per attirare investimenti e incoraggiare la crescita e la creazione di posti di lavoro, allo stesso tempo c’è anche la preoccupazione che la Cina possa rafforzare la sua posizione in Europa e modificare gradualmente la equilibrio del potere economico e politico a suo favore. “Visto da Pechino, l’Europa sembra una penisola asiatica”, ha affermato il cancelliere tedesco Angela Merkel, esprimendo la sua preoccupazione. Alcuni mesi fa un documento molto problematico, critico della nuova via della seta, circolava tra gli ambasciatori europei a Pechino. Ha descritto il progetto come “in conflitto con l’agenda europea del libero scambio, e in grado di spostare gli equilibri di potere a favore delle compagnie cinesi sostenute da sussidi statali”. In altre parole, l’Europa è preoccupata che la cooperazione con la Cina possa avvantaggiare principalmente i cinesi, anche a causa dello squilibrio derivante dalla differenza di approccio alla regolamentazione e al grado di apertura del mercato.
Fortunatamente, a causa della pressione americana, che è ostile non solo alla Cina ma anche all’Europa, il vertice Cina-UE dello scorso luglio ha portato un miglioramento nelle relazioni Cina-Europa.
Se desideriamo dare uno sguardo più approfondito alle preoccupazioni e alle paure che affondano nelle nostre società occidentali e comprendere l’origine non solo degli ostacoli alla cooperazione internazionale, ma anche della vera rinascita del nazionalismo e del protezionismo, credo che dobbiamo andare oltre semplice segnalazione di eventi per comprendere le radici della crisi della globalizzazione cui abbiamo assistito, in forme sempre più acute, dal 2008.
Il processo di allentamento delle restrizioni al movimento di beni e persone, che, nei primi vent’anni del XXI secolo, si è esteso fino a coinvolgere ogni parte del pianeta, ha generato un’accelerazione nella crescita globale.
Il prodotto interno lordo mondiale (prezzi correnti) è quasi triplicato, da 50.104 miliardi di dollari nel 2000 a 135.235 miliardi nel 2018, e secondo i dati del FMI salirà a 177.424 miliardi nel 2023. Tuttavia, questo vertiginoso tasso di crescita economica non si è riflesso in parallelo crescita della prosperità per tutti.
In alcune economie, che hanno sfruttato con successo tutto il potenziale di questo processo, la crescita economica è stata accompagnata dallo sviluppo sociale, e in alcuni casi da un drammatico processo di emancipazione, fuga dalla povertà e espansione della classe media.
Allo stesso tempo, in molte economie occidentali avanzate gli effetti della globalizzazione sono stati ambivalenti. Per una minoranza della popolazione, che appartiene all’elite finanziaria ed educativa, la globalizzazione ha offerto un’eccellente opportunità, che è stata rapida da abbracciare, come i dati sull’aumento della quota di reddito complessivo percepita dal segmento più ricco del la popolazione rivela. Negli Stati Uniti, la quota del reddito lordo totale ricevuto dall’1% superiore nel 2012 era più del doppio rispetto al 1980. Come sostiene Anthony Atkinson nel suo studio classico “Ineguaglianza”: “Oggi la quota dell’1% reddito] è tornato ai livelli di cento anni fa. L’1% superiore negli Stati Uniti ora riceve poco meno di un quinto del reddito totale; questo significa che, in media, hanno venti volte la loro giusta quota “. L’1% dell’1%, ovvero il massimo dello 0,01%, riceve un venticinquesimo del reddito totale.
Tuttavia, per la maggior parte della popolazione il processo è stato di espropriazione. È interessante leggere i dati sull’aumento del numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà. Secondo i dati di Eurostat, nel 2016 la proporzione della popolazione a rischio di povertà o esclusione sociale era del 23,5% nell’Unione europea e del 23,1% nell’area dell’euro: in termini assoluti, ciò significa che 118,0 milioni di persone nell’UE vivono nelle famiglie a rischio di povertà o esclusione sociale. Anche nel 2016 il 7,5% della popolazione dell’UE viveva in condizioni di grave deprivazione materiale. Negli Stati Uniti, nel 2010, a seguito della crisi del 2008, il numero di persone povere era superiore a 45 milioni.
Ma non è solo una questione di povertà, anche se questo paradossalmente sta crescendo anche in tempi di espansione economica. Il problema è che, mentre la concentrazione della ricchezza finanziaria è stata accentuata, il mondo del lavoro è diventato sempre più debole. L’effetto della concorrenza globale, che attrae le imprese manifatturiere in aree in cui i costi del lavoro sono più bassi e le norme di protezione ambientale sono meno restrittive e costose, ha portato alla limitazione dei salari, a una crescita del lavoro precario e a una riduzione dei diritti e delle garanzie rispetto a gli standard precedentemente considerati normali nel mondo occidentale e in Europa in particolare. Allo stesso tempo, è diventato più difficile per i bilanci pubblici sostenere il costo del welfare e dei sistemi pensionistici, in parte perché i sistemi di tassazione progressiva che un tempo consentivano un significativo grado di distribuzione del reddito sono stati indeboliti dalla libera circolazione dei capitali a livello globale livello, che ha sostanzialmente liberato una grande parte della ricchezza finanziaria dalla tassazione.
È quindi comprensibile che la paura e l’amarezza si stiano diffondendo nelle fasce più vulnerabili della società, e stiamo assistendo al successo delle forze politiche ostili alla globalizzazione, che predicano la chiusura dei confini non solo agli immigrati ma anche ai beni stranieri. Alcuni teorici sostengono ora che la scena politica europea, dominata da oltre un secolo dal conflitto tra progressisti e conservatori, è ora occupata principalmente dalla battaglia tra globalisti e sovranisti, con la prospettiva di uno spostamento degli equilibri politici del continente che potrebbe condurre a una seria involuzione.
Credo che siamo tutti più o meno persuasi che il nazionalismo aggressivo e il protezionismo non sono una soluzione, e che, al contrario, implicano il rischio di gravi conflitti, un rallentamento della crescita e quindi un peggioramento dei problemi sociali. Tuttavia, anche chi crede, come me, che la globalizzazione sia una tendenza inarrestabile non deve sottovalutare la dimensione della crisi che si sta preparando. In realtà, questa crisi è in corso almeno dal 2008 senza che emerga una soluzione efficace, perché da quando il crollo finanziario avvenuto in quell’anno è stato chiaro che la logica neoliberista della globalizzazione incontrollata e non regolata non è più sostenibile e è necessaria un’azione politica per orientare il sistema mondiale verso una globalizzazione più armoniosa. Perché, anche se è vero che le risposte non provengono dal protezionismo e dal nazionalismo egoista, è anche vero che il bisogno impone linee guida politiche sulla crescita e non lascia tutto alle forze del mercato, e anche la necessità di proteggere i membri più deboli della società, sono bisogni reali a cui deve essere data una risposta. La soluzione sta nel rafforzamento della cooperazione internazionale e non nel rafforzamento dei conflitti. Dopo tutto, è impossibile immaginare una protezione ambientale efficace o una regolamentazione efficace dei mercati finanziari, essenziale per ridurre le disuguaglianze e proteggere il lavoro, o, per citare un argomento particolarmente delicato in Europa, l’effettiva regolamentazione dei flussi migratori, senza più forte, più stretto cooperazione internazionale.
Capisco che oggi fissare questi obiettivi possa sembrare molto ambizioso e piuttosto irrealistico in una situazione così conflittuale, in cui la rete di relazioni di difesa esistenti può essere a rischio, in parte a causa della crescente inaffidabilità dell’amministrazione americana. Vi è quindi la necessità di una strategia realistica in grado di realizzare le forme di cooperazione che sono veramente possibili, in primo luogo tra i più lungimiranti, i responsabili. Penso oggi alla possibilità di un miglioramento della qualità delle relazioni UE-Cina e al fatto che il progetto di una nuova via della seta possa contribuire a un livello più elevato di cooperazione sul grande continente eurasiatico, una cooperazione che ne gioverebbe inevitabilmente Africa.
Come possiamo garantire che lo scetticismo e l’ostilità non prevalgano? Come possiamo far prevalere lo spirito di cooperazione?
Confesso che ci sono molte difficoltà. In Europa c’è una forte preoccupazione che il BRI sia solo una forma di espansionismo cinese e non l’opportunità di una partnership vantaggiosa per entrambe le parti. I critici sottolineano il grave squilibrio nel commercio tra Europa e Cina, gli svantaggi affrontati dalle imprese europee in Cina, a differenza delle imprese cinesi in Europa – mentre le corporazioni cinesi possono controllare i porti europei, agli europei non è permesso fare lo stesso in Cina – e il fatto questo, fino ad ora, il 90% dei finanziamenti infrastrutturali è andato a imprese cinesi mentre gli europei e il resto del mondo devono lottare tra loro per il restante 10%.
Sono persuaso che questi dubbi e incertezze possano e debbano essere superati. Più velocemente le autorità del tuo paese sono in grado di apportare le necessarie correzioni, più rapidamente questo sarà raggiunto. Le parole chiave sono reciprocità e cooperazione. L’UE deve infine considerare il partenariato con la Cina una scelta strategica e non una politica da lasciare ai singoli paesi. La Cina, sulla strada per diventare la più grande potenza economica del mondo, non può più aspettarsi di godere delle garanzie di un paese in via di sviluppo. Due aspetti cruciali possono essere particolarmente significativi. Primo: una strategia per gli investimenti cinesi in Europa concordata con le autorità europee e legata alle strategie e alle priorità di sviluppo dell’Unione. Secondo: maggiore apertura del mercato cinese, soprattutto nel settore dei servizi che, almeno in parte, possono compensare lo squilibrio commerciale ora così forte in favore della Cina. Ultimo ma non meno importante, un maggiore dialogo e cooperazione a livello politico e culturale sono anche fondamentali, al fine di eliminare pregiudizi e incomprensioni nelle nostre opinioni pubbliche.
Fu nel 1271 che Marco Polo salpò da Venezia con suo padre Niccolò e suo zio Matteo. È venuto a Cambaluc – come i Mongoli hanno chiamato quello che ora è Pechino – dopo aver attraversato la Palestina, la Turchia, l’Iraq, l’Iran, l’Afghanistan e lo Xinjiang. Dopo aver incontrato Kublai Khan, si è diretto verso l’Indocina, la Malesia, l’India, l’Oman, lo Yemen e l’Africa orientale. Un lungo percorso, ora costellato di feroci conflitti. Portare pace e sviluppo lungo la Via della seta è una grande missione, ma non può essere lasciata alla sola Cina. All’altro capo della strada c’era ed è l’Europa, che deve essere incoraggiata ad assumersi le proprie responsabilità. L’Italia può e deve svolgere un ruolo importante. Come ha affermato il presidente Xi Jinping, “la Cina e l’Italia rappresentano due antiche civiltà che si conoscono e si rispettano da migliaia di anni”. Ora, più che mai, dobbiamo lavorare insieme.”

– 25/11/2018 – International Finance Forum 2018 Annual Conference
Intervento di Massimo D’Alema – “New globalisation: a path to the future”, Guangzhou, China