Cultura

Pubblicato il 19 dicembre 2017 | di Massimo D'Alema e Andrea Camilleri

0

D’Alema-Camilleri, l’idea di sinistra e un incontro con Vázquez Montalbán

 Il lavoro che non c’è e gli attacchi alla dignità dei lavoratori, il nazionalismo e il compito dell’Europa, l’individualismo e la ricerca di una nuova idea di sinistra. Ruota attorno a questi temi il dialogo tra Massimo D’Alema e lo scrittore Andrea Camilleri sul nuovo numero della rivista ItalianiEuropei diretta da Peppino Caldarola in edicola dal 20 dicembre di cui pubblichiamo uno stralcio. Spunta anche il ricordo di un incontro tra D’Alema, Camilleri e Manuel Vásquez Montalbán alla Festa dell’Unità del 1995.

Andrea Camilleri: Il lavoro era il modo di partecipare alla vita e al benessere comune. Ma l’uomo conferma sempre di avere una sua innata positività. Qualche anno addietro, quando il nostro paese si era venuto a trovare con un debito pubblico enorme e una disoccupazione spaventosa, ho avuto paura che la gente così in difficoltà potesse perdere le staffe. Alcuni hanno detto che si è trattato di un momento di rassegnazione. Io invece credo che abbiano capito che una sollevazione avrebbe potuto addirittura peggiorare le cose. E ho individuato in questo comportamento una certa dose di saggezza, una qualità. Ma a questo punto bisogna fare, secondo me, delle restituzioni. È stato tolto troppo. Io non mi intendo di economia, ma quando sento dire che si comincia a intravedere una crescita nell’economia, rimango perplesso. Se non cresce l’occupazione, come fa un paese a crescere? Non riesco a capire come si possa, con un quadro del genere, parlare di crescita.

Massimo D’Alema: Non è solo la mancanza di lavoro che dovrebbe occuparci, ma anche la sua scarsa valorizzazione. Il lavoro oggi appare svalorizzato innanzitutto perché si guadagna di meno, perché i salari sono bassi, perché è precario. Aumenta il numero di occupati ma diminuisce il numero delle ore lavorate. Sembra un paradosso ma è così, perché molti sono i lavoratori part-time, a chiamata, quelli che lavorano solo poche ore. E poi per i giovani ci sono i contratti da stagisti, che consentono di guadagnare appena 300 o 400 euro al mese.

Camilleri: Ma non è una condizione miserabile questa? Per l’uomo, per il lavoro, per tutto?

D’Alema: Certo è così. Anche perché contemporaneamente la ricchezza nazionale si concentra in poche mani. Nel frattempo, infatti, aumentano i profitti e le rendite finanziarie.

Camilleri: Allora non mi vengano a parlare di crescita del paese. Ancora una volta parliamo di una parte del paese, che sta meglio, che guadagna di più. Sento che nel 2017 su quattro famiglie una è in povertà assoluta e due sono a rischio povertà e subito dopo viene detto che il paese procede. Ma in che senso? Procede all’inverso. È pazzesco che oggi si possa constatare che ci sono famiglie che vivono in assoluta povertà. Mi sembra di ritornare agli anni della guerra, quando si era un po’ tutti poveri perché le cose mancavano. Con la differenza che oggi le cose non mancano.

D’Alema: Essere poveri in una società in cui tutti sono poveri è diverso dall’essere poveri in una società in cui ci sono anche alcuni molto ricchi, perché la povertà a quel punto viene vissuta come una colpa e alimenta una forma tremenda di emarginazione e di frustrazione personale (…).

Camilleri: Ma dimmi, Massimo, tu pensi che l’Europa reggerà a tutti questi strappi?

D’Alema: L’Europa, intesa come le istituzioni dell’Unione europea, regge perché nessuno ha il coraggio di smontare questo sistema, che ha portato comunque grandi vantaggi. Il problema vero, però, è se l’Europa avrà la capacità di rilanciare il suo progetto, di riprendere slancio. E su questo dubito di più perché non vedo una classe dirigente europea che abbia la forza politica e il coraggio di decisioni forti (…). E questa è la debolezza dell’Europa, che sopravvive, con le sue istituzioni e le sue regole. Nessuno avrà il coraggio di uscire dall’euro perché sarebbe una follia, un suicidio. Tuttavia, ci sarà la forza di fare il salto di qualità? Perché così com’è l’Europa vivacchia (…). Un certo modello americano di individualismo comincia a penetrare anche da noi perché si indebolisce la difesa data da quei valori. E progressivamente la società europea tende a uniformarsi a modelli che non sono i suoi. Questo è il rischio maggiore. Penso che la sinistra dovrebbe fare proprio, in un progetto di rinascita, il tema dell’unità europea. Non dovrebbe lasciarlo ad altri. Non dovrebbe ripiegare in una visione nazionalistica. Questo sarebbe un errore enorme. Ritornano persino le piccole patrie. Tutti abbiamo simpatia per la Catalogna, ma l’idea che possa diventare una nazione per conto suo è un’idea arcaica.

Camilleri: È un’idea che non hanno nemmeno i Catalani. Perché a guardare i risultati del referendum sono solo il 32% coloro che hanno votato sì. Non è un po’ pochino per proclamare l’indipendenza?

D’Alema: Sì, infatti quanti hanno proclamato l’indipendenza sono un gruppetto di avventurieri. Il paradosso della situazione in Spagna è che il conflitto è stato creato da due destre, i nazionalisti catalani, che sono la destra in Catalogna, e i nazionalisti spagnoli, che sono la destra spagnola, che hanno reagito con estrema durezza anziché aprire un dialogo. Una soluzione poteva esserci nella forma di un dialogo che riconosca alla Catalogna una maggiore autonomia preservando l’unità nazionale della Spagna.

Camilleri: In questa situazione vedo prevalentemente uno scontro titanico tra fesserie.

D’Alema: Ma tu te lo ricordi il tuo primo incontro con Manuel Vázquez Montalbán?

Camilleri: Fosti tu a farci conoscere. Mi telefonasti proponendo un incontro. Lui aveva pubblicato “Cesare o nulla” e facemmo un primo incontro alla Festa dell’Unità. Era, credo, il 1995.

D’Alema: All’epoca ero segretario del partito, ma volli in quella occasione condurre il dialogo tra voi due. Ci fu un successo di pubblico clamoroso. Montalbán era iscritto al Partito Socialista Unificato di Catalogna, che erano gli eurocomunisti della Catalogna. E per questo l’avevo conosciuto: un uomo simpatico, con una travolgente passione per il buon cibo e per le donne. Diciamo che mentre il tuo Montalbano è un uomo fondamentalmente casto, i suoi eroi erano dei gran puttanieri.

Camilleri: Dopo quella Festa dell’Unità ci siamo visti diverse altre volte. A Mantova, a Brescia. C’era anche l’idea di scrivere un romanzo insieme. Conservo ancora i dialoghi preparatori a questo romanzo. Ricordo bene la mattina in cui seppi della morte di Manolo. Eravamo rimasti d’accordo che ci saremmo risentiti al ritorno dal suo viaggio e invece quella mattina, entrando nel mio studio, appresi che era morto all’aeroporto di Bangkok. Mi assalì la malinconia. Avevo chiesto di non vedere nessuno. Non avevo voglia di mangiare. Verso l’ora di pranzo bussarono alla porta. Era il postino, con un pacco: l’ultimo libro di Manuel Vázquez Montalbán, intitolato “Happy end”. Ho pensato: «Manolo, messaggio ricevuto. Ciao»

 

Autore Originale del Testo: Massimo D'Alema e Andrea Camilleri

Nome della Fonte: Striscia Rossa

Tag: , , , ,



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.

  • Commenti recenti


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate