Politica

Pubblicato il 12 aprile 2018 | di Gian Franco Ferraris

0

Di Maio, Renzi e Salvini sono molto più uguali che diversi

di Gian Franco Ferraris – 12 aprile 2018

Sono in corso le consultazioni per la formazione del governo; sono passati 40 giorni dalle elezioni e ogni giorno ascoltiamo una luttuosa cantilena dei leader di partito che ripetono il loro verso mentre in televisione i nuovi oracoli del giornalismo,  capeggiati dai sempre presenti Damilano e Travaglio sostenuti da studiosi e politologi, ci raccontano di compatibilità o incompatibilità tra Mov. 5 Stelle, Pd o Lega. Eppure basta riflettere un poco e ci si accorge che le cose dette e ridette da Di Maio, Salvini e Renzi sono molto uguali.

La stessa battaglia di Di Maio contro i vitalizi dei vecchi parlamentari o le loro vedove (in tutto 2.800 persone) non è altro che una variante della rottamazione riservata da Renzi alla vecchia classe dirigente del centrosinistra. E d’altra parte i tre giovanotti non hanno mai lavorato in vita loro e vivono agiati grazie alla politica. Sono tutti e tre contro il finanziamento pubblico dei partiti, ma hanno instaurato un sistema di finanziamento per la loro attività e propaganda politica meno trasparente del passato: la Casaleggio associati, l’Onlus “Più Voci” di Salvini, la fondazione Open cassaforte del Giglio Magico.

Per quanto riguarda le tasse, la ricetta è molto semplice e efficace: meno tasse o meglio la vera declinazione è meno tasse per i ricchi.

Nessuno ha pensato a slogan del tipo “Adesso gli evasori non hanno più scampo!”, “Chi ha commesso abusi edilizi e devastato le nostre coste non ha più scampo!” e nessuno si avventura in una politica di ridistibuzione dei redditi che colpisca quelle èlites italiane che senza pagare tasse in questi 20 anni si sono arricchite a discapito dei molti italiani che faticano sempre di più per arrivare a fine mese, se non sono già ridotti ai margini della società in condizioni di povertà.

Il reddito di cittadinanza che è un grande tema, epocale, culturale, etico, economico è diventato solo uno spot elettorale perchè se non accompagnato da una politica di ridistribuzione dei redditi diventa un palliativo simile agli 80 euro di Renzi.

 I capi dei partiti in voga in Italia si occupano di tutto tranne che affrontare i problemi del Sistema Italia dalla testa: il rapporto parassitario tra lo Stato e l’industria, la mancanza di investimenti strategici, la riforma della pubblica ammistrazione (la burocratizzazione è un vero cancro per la collettività),  il divario Nord e Sud, e si guardano bene da dire come si vuole ridefinire il ruolo dello Stato, come si intende tornare a far crescere il paese perchè senza crescita il rapporto debito/Pil aumenta e il problema maggiore dell’Italia è l’assenza della crescita.

Rispetto all’Europa – dove apparentemente le dichiarazioni sono diverse, in realtà sono molto simili: nessuno dei tre capi osa richiedere un nuovo dibattito in Europa per ridisegnarne le regole.  Il M5S e la Lega sono destinati a ripetere lo stesso errore di Renzi, un grossolano errore, quello di pretendere, come un bambino viziato, il diritto dell’Italia di piegare le regole del fiscal compact senza però  proposte serie su come ridisegnare la zona euro.

Anche sull’immigrazione, la base culturale è la medesima: tutti hanno investito sui rancori dell’opinione pubblica italiana attanagliata dalla crisi e hanno investito slogan propagandistici sul timore del migrante, dello straniero, del rifugiato. Difficilmente Salvini potrà fare peggio di Minniti e già ora gli immigrati sono una fonte di reddito per la criminalità.  Le leggi attuali, dopo anni di governo PD, prevedono che un immigrato che lavora non può chiedere il permesso di soggiorno e non può essere messo in regola, con la conseguenza che si agevola lo sfruttamento, il lavoro nero e la criminalità.

Le istituzioni sono sempre meno democratiche; i parlamentari, invece di svolgere un lavoro utile per il paese, sono solo dei numeri in balia dei loro partiti. Purtroppo per il Paese ci sono ben poche speranze e la sinistra al momento è incapace di uscire dalla prigione di una autosufficienza minoritaria senza alcun senso.

Di Maio, Renzi e Salvini hanno in comune un dato caratteriale: per fare il Premier sarebbero disposti a tutto, fregandosene di programmi e alleanze. Una specie di infantilizzazione della politica che risponde come uno specchio a una società dove prevale una pulsione di morte egoista e individualista – senza scampo.

Autore Originale del Testo: Gian Franco Ferraris

Tag: , ,



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.

  • Commenti recenti


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate