Edi Rama: “L’accordo sui migranti non so se funzionerà. Nel solo Cpr mai più di 3 mila”

per Gian Franco Ferraris
Autore originale del testo: Giacomo Salvini
Fonte: Il Fatto Quotidiano

Edi Rama: “L’accordo sui migranti non so se funzionerà. Nel solo Cpr mai più di 3 mila”

“Una cosa è certa: se i migranti staranno 18 mesi in Albania, non potranno entrarne 36 mila all’anno”. Il premier albanese Edi Rama risponde al Fatto Quotidiano da Parigi dove ha partecipato al Forum della Pace, disertando quello del Partito Socialista a Malaga, e conferma l’idea che accanto al centro di frontiera per valutare le domande di asilo potrebbe nascere un centro per il rimpatrio dove stare al massimo 18 mesi.

Presidente Rama, Meloni ha detto che i migranti nei centri in Albania staranno 18 mesi e non solo 28 giorni. Com’è possibile?

Nell’accordo è stato stabilito che la legge applicabile a tutte le procedure relative ai migranti è quella italiana ed europea.

In caso di “no” alla richiesta di asilo, i migranti potranno stare 18 mesi. Come si raggiunge la quota di a 36 mila migranti all’anno frutto della rotazione annunciata da Meloni?

L’accordo stabilisce che la capacità massima d’accoglienza sarà di 3 mila migranti. Quindi, man mano che alcuni finiscono le procedure di protezione internazionale (asilo) e si accompagnano fuori dal territorio albanese, verranno ospitati altri migranti richiedenti asilo.

In caso di risposta negativa alle richieste di asilo ne resterebbero solo 3 mila?

Sì, il numero di posti disponibili è quello ed è chiuso.

Secondo molti giuristi e osservatori italiani, l’accordo è inapplicabile: qual è la sua opinione?

Mah, dal punto di vista della fattibilità non saprei dire se funzionerà male, bene, molto bene o se non funzionerà del tutto, perché è una prima volta in assoluto per un accordo di questo tipo. E poi starà al governo italiano provare che funziona, visto che tutta l’amministrazione di questa operazione è a carico suo.

Se dovessero restare i migranti più a lungo nel territorio albanese, come lo spiegherà alla sua opinione pubblica? Destra e sinistra protestano.

Io sinceramente penso che non sia serio accanirsi con previsioni sulle ricadute catastrofiche sull’Albania con l’arrivo di 3.000 migranti (abbiamo già accolto più di 4.000 afghani e nessuno si è reso neanche conto). Inoltre non è neanche degno per noi albanesi, che abbiamo approfittato da decenni e in numeri molto più importanti, della apertura e ospitalità altrui.

Ha sentito Giorgia Meloni nelle ultime ore?

No, ci sono così tante cose da fare, anche se non immaginavo di dover rispondere a così tanti giornalisti italiani.

La premier la difende accusando il Pd di volerla espellere dal Pse.

Mi fa sorridere questa storia dell’espulsione e la telenovela sulla famiglia socialista. Sembro come quei personaggi che entrano all’improvviso nell’episodio di una lunga serie per agitare i telespettatori e poi spariscono nell’episodio successivo lasciando la famiglia con gli stessi problemi.

Cosa ne pensa del Pd che la attacca?

Ma niente, amici come prima e io vado per la mia strada, perché per me l’Italia non è né la destra né la sinistra, ma un insieme di tutto quello che rappresenta per me e per noi albanesi: un Paese straordinario con il quale siamo indissolubilmente legati. È sempre un onore poter dare una mano quando ce lo chiede.

Babelezon bookstore leggi che ti passa

Articoli correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.