Cultura

Pubblicato il 9 settembre 2018 | di David Grieco

0

L’incredibile Giuseppe Conte che confonde l’8 settembre con il 25 aprile

di David Grieco – 9 settembre 2018

Secondo il premier quel giorno iniziò la ricostruzione morale e economica. Ma allora ci fu l’armistizio di Badoglio e la nascita della Repubblica di Salò

“Oggi è l’8 settembre. Una data particolarmente simbolica della nostra storia patria, perché in quell’estate di 75 anni fa si pose fine ad un periodo buio della nostra storia, culminato con la partecipazione dell’Italia a una terribile guerra. Con l’8 settembre, inizia un periodo di ricostruzione prima morale e poi materiale del nostro paese. Un periodo che è stato chiamato, con la giusta enfasi, miracolo economico…”
Queste le parole pronunciate dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte dal podio e dal microfono della Fiera del Levante a Bari. Parole scritte e lette dal nostro premier allo scopo di rassicurare gli imprenditori in un momento così difficile per il nostro paese.
Si stenta a credere.
Eppure è così. Non c’è modo di smentire. Ci sono le immagini. Immagini che oggi pesano assai più delle parole.
Questo professore universitario così elegante e garbato da sembrare un manichino della Rinascente sembra confondere clamorosamente l’8 settembre del 1943 con il 25 aprile del 1945, cioè l’armistizio di Badoglio e la nascita della Repubblica di Salò con la Liberazione dall’oppressione nazifascista.
Giuseppe Conte parla, senza soluzione di continuità, di “miracolo economico”.
Un miracolo economico iniziato, secondo lui, proprio nel momento in cui in Italia scoppiava una sanguinosa guerra civile dilaniando il paese fino alla resa finale. Resa più incondizionata e disonorevole che si potesse immaginare. Resa che ha reso l’Italia, in questi 75 anni, un paese inaffidabile agli occhi del mondo.
In questi 75 anni, i nostri vecchi ci hanno detto infinite volte che se non si conosce la storia si è destinati a ripeterla.
Questo è il massimo esempio possibile e immaginabile del proverbiale pericolo. Non ci sembra di ricordare, in Italia come nel resto del mondo, un primo ministro che prenda un abbaglio storico di queste proporzioni.
Dulcis in fundo, Giuseppe Conte è il secondo premier pugliese che prende la parola alla Fiera del Levante. Il primo fu, nel 1975, Aldo Moro.
Il confronto appare disumano.

Autore Originale del Testo: David Grieco

Nome della Fonte: globalist

Tag:



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.

  • Commenti recenti


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate