A Rimini è iniziato il tramonto di Renzi

0
197
Autore originale del testo: Pietro Spataro
Fonte: Giubbe Rosse
Url fonte: https://unitagiubberosse.wordpress.com/2017/01/28/a-rimini-e-iniziato-il-tramonto-di-renzi/

di Pietro Spataro – 29 gennaio 2017

In politica l’errore più grave è pensare che quello che andava bene ieri vada bene anche oggi e magari anche domani. E se questa regoletta è valida da sempre, lo è ancora di più oggi quando il tempo brucia velocemente ogni novità. A Matteo Renzi deve essere sfuggita la regoletta di cui sopra e nessuno dei suoi ha pensato di ricordargliela. E infatti nel suo “discorso del ritorno” (secondo la vulgata dei giornali) è rimasto a quello che diceva ieri e lo diceva anche meglio perché l’alone di novità che lo circondava dava alle sue parole una marcia in più.

Quasi due mesi dopo la grande sconfitta del referendum, un mese dopo le sue dimissioni da premier e la nascita del governo Gentiloni, dopo un lungo silenzio interrotto da una piatta intervista a Repubblica uno si aspettava un discorso vero e ricco di spunti nuovi. Uno si aspettava almeno un’idea originale per rilanciare il Pd. Uno si aspettava anche un’analisi della sconfitta referendaria seria, approfondita, consapevole. Invece nulla di tutto questo. Il solito Renzi ma offuscato dalla botta del 4 dicembre: un attacco all’Europa, un po’ di antipolitica (lui, che è segretario del partito di maggioranza, che dice di essere fuori dal Palazzo) l’elogio del già fatto (ma per fortuna senza slide), l’enfasi sul futuro che prima o poi torna, il Pd propositivo, la politica che è risolvere i problemi e non solo denunciarli, il tutto condito da qualche battutina e da qualche smorfia per creare simpatia.

E’ un evidente segno di stanchezza politica, la dimostrazione che il vulcanico ex sindaco che conquistò il Pd con una marcia trionfale non riesce più a dire cose nuove sul Paese e sul partito, non è più in sintonia, a tratti (quando sogna di tornare al 40% delle europee) anche un po’ fuori dalla realtà. Un ritorno talmente sotto tono che viene da chiedersi se Renzi e il renzismo non siano ormai al tramonto.

E’ quello che sicuramente crede D’Alema che sempre ieri ha riunito i comitati del no per dare vita al movimento Consenso per la ricostruzione del centrosinistra. Non so quale direzione prenderà questa nuova creatura, non so se marcerà dentro il Pd o se al contrario in un Pd militarizzato da Renzi finirà in una scissione. Una cosa però è evidente: si è aperto uno scontro per un nuovo centrosinistra. E nello scontro qualcuno è destinato a perdere. Un sospetto su chi sia, dopo la giornata di ieri, io ce l’ho. E voi?