Politica

Pubblicato il 13 maggio 2018 | di Pina Fasciani

0

Sinistra: rinascere come?

di Pina Fasciani – 13 maggio 2018

Ieri a Roma (1), come sapete, si è tenuta l’assemblea aperta nazionale di Articolo 1 MdP. Un movimento nato da una costola del PD a cui ho aderito dopo aver deciso di uscire dal PD nel 2015. Quel movimento è nato per raccogliere i “silenziosi abbandoni” di tanti che, come me, sentivano fortemente, già da allora la mutazione di quel Partito.

Le scissioni sono sempre dolorose lo sappiamo, ma le ragioni erano scritte nelle cose, in quelle politiche del governo a trazione renziana che hanno portato la sinistra alla sconfitta regina del 4 marzo, dopo una lunga serie di sconfitte che ha dilapidato un patrimonio.
Qualcosa di quel patrimonio andava salvato.

Quel movimento doveva tramutarsi subito in un Partito, aprire una fase Costituente e darsi organismi dirigenti democraticamente eletti.
Così non è stato, si è atteso che maturassero altre condizioni per tentare di aprire un processo più largo e inclusivo. La vicenda Pisapia la ricordiamo tutti. Il risultato è che quel Partito non è nato .

Poi sono arrivate le elezioni politiche e Articolo 1 insieme a SI e Possibile ha costruito il cartello elettorale LeU. Una compagine costruita in emergenza, con leader in emergenza.

Ne è seguita una campagna elettorale improvvisata e confusa.
Non voglio qui riaprire la discussione sulla formazione delle liste l’abbiamo già fatta.
Poi il voto, la sconfitta, nostra, del PD, di PaP, di tutta la sinistra.

Dalla sconfitta del 4 marzo poi è intervenuto il silenzio.
Sono tutti precipitati nel mutismo. Ognuno è tornato a casa propria a leccarsi le ferite. Al Paese da due mesi non parla nessuno .

Mutismo politico intendo, silenzi
da una parte, aventinismi dall’altra.
La sinistra disintegrata, non più protagonista, ma corpo inerme nello scenario politico.
…..
Ieri, dicevo, la prima Assemblea di Articolo 1 dopo quel voto. Un primo tentativo di ripresa di parola.
Non serve dire che lo facciano tardi, non serve dire e raccontare la delusione e la rabbia, che c’è e è tanta, serve dire come si rinasce.

Ho apprezzato la relazione di Speranza, in cui si sono declinati i contenuti, fatta autocritica, chiesto scusa per il colpevole ritardo, ma soprattutto per la volontà riconfermata di partire subito per la costruzione del Partito.
Dal 26 maggio partirà la fase congressuale. Chi si autoescludera’ lo vedremo presto.

Io penso che darsi un soggetto legittimamente eletto sia necessario, con organismi e gruppi dirigenti definiti dal voto degli iscritti, ma non penso sia sufficiente.

Se la sinistra non ritrova le ragioni del suo essere, in un mondo mutato, e non riparte lì dove i conflitti esistono non andrà lontano.

Abbiamo perso l’abitudine a fare politica senza gestione del potere, abbiamo pensato che la gestione del potere potesse sostituire la politica, abbiamo sbagliato.

Per questo ci ritroviamo senza parole, e quelle che diciamo non fanno presa, anzi sono acqua fresca sullo sfarinamento esistente.

Per ricostruire non servono più operazioni verticistiche, chiuse tra quattro mura , tra gruppi dirigenti invischiati in storie incomprensibili ai più. Serve rigenerarsi e ribaltare il paradigma.
Non è Roma che rigenererà la sinistra, è la vita concreta delle persone in carne e ossa a ridarci un senso, è farsene interpreti raccogliendo i loro bisogni e collocandoli in una prospettiva politica. Da lì si riparte per nuovi modelli di rappresentanza e selezione dei nuovi gruppi dirigenti.

Sarà un lavoro duro, ci costrigera’a superare pigrizie, intellettuali e materiali, avremo bisogno di studiare, approfondire e nello stesso tempo a lottare.
Dobbiamo reimparare a essere la sinistra, altro che pop corn.

1) Pina Fasciani il giorno prima . 12 maggio

 Oggi sono stata all’assemblea Nazionale di Articolo 1 MdP a Roma.

Sala come al solito troppo piccola, molti sono rimasti in piedi.
Ho rivisto con piacere LindaAdi ElleRobertoChiaraGessica.
Ho salutato Massimo D’Alema che, come da tradizione, ha ascoltato tutti gli interventi senza perdersi una parola. E finalmente ho potuto riabbracciare Gianni Cuperlo che non vedevo di persona da tanto tempo. Mi ha chiesto di sedermi vicino a lui, abbiamo scambiato battute e impressioni. La sua ironia mi ha travolto come sempre. Il suo intervento è stato il più bello , non mi delude mai.

Pina Fasciani8

Autore Originale del Testo: Pina Fasciani

Tag: , ,



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.

  • Commenti recenti


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate