Stallo istituzionale? la nostra democrazia è sempre più fragile

per Gian Franco Ferraris
Autore originale del testo: Giacomo Bottos
Fonte: facebook

di Giacomo Bottos – 8 maggio 2018

Il vero problema è la formazione della volontà politica. Non è una questione in primo luogo istituzionale. Naturalmente le leggi elettorali contribuiscono, ma il vero elemento di fondo è che le forze politiche non sono in grado di svolgere il compito a cui sono chiamate e che la Costituzione assegna loro: tradurre spinte, istanze, bisogni che emergono dalla società in lingua politica, in visioni, programmi, compromessi di governo. Essere il mezzo attraverso il quale i cittadini concorrono “con metodo democratico a determinare la politica nazionale”. Perché?

Il problema è duplice. Da un lato una società individualistica, frammentata, disgregata, radicalmente disabituata a pensarsi e a farsi rappresentare da un discorso politico. Dall’altro una società del genere è anche una società dalla quale difficilmente emerge una classe politica di alto livello. Il che non significa in primo luogo colta o competente. Significa prima di tutto capace di questo immane lavoro di traduzione. Rappresentare non è farsi portavoce. Rappresentare è costruire dalla pluralità delle aspettative, degli interessi, delle idee, un discorso comune. La “cultura politica” è importante per questo. E la cultura politica dei partiti attuali è debole e per questo difficilmente regge compromessi, per questo rende difficile una vera autonomia. E allora le questioni politiche diventano questioni personali. E si creano rebus irrisolvibili e stalli istituzionali. Si possono certo elaborare soluzioni temporanee, correttivi istituzionali. Si devono, giustamente, cercare soluzioni. Ma il problema resta e rende la nostra democrazia (e non solo la nostra) sempre più fragile.

Babelezon bookstore leggi che ti passa

Articoli correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.