Tiziano Terzani. Promemoria per un assessore udinese

0
300
Autore originale del testo: Franco Cardini
Fonte: Minima cardiniana

di Franco Cardini – 1 aprile 2019

EFFEMERIDI DELL’IGNORANZA

CIGOLAR D’ASSESSORE

A Udine, sinistri cigolii d’analfabetismo. Tal assessore Cigolon dispone la riduzione del budget destinato al Premio Terzani, uno degli onestamente non moltissimi fiori all’occhiello della bella città friulana: da 30.000 euri, ora bisognerà celebrarlo solo con 10.000. Era opportuno in questo caso il risparmio? Senza dubbio, risponde il cigolante amministratore: questo Tiziano Terzani mica era poi un granché; anzi, era piuttosto mediocre, lo hanno detto – nostra fonte è sempre il solito cigolìo – anche illustri storici, tra i quali senza dubbio dev’esserci la cigolante zia dell’assessore, maestra d’asilo in qualche parte tra Cividale e San Daniele. In attesa di sapere dalla prossima cigolante emissione di cultura chi siano i Grandi Studiosi e i Fini Intellettuali che hanno destituito di credibilità lo scrittore fiorentino comunicando il loro alato e competente parere al cigolante tagliacultura, rinfreschiamoci la memoria. Avete presente la canzone Chi erano mai questi Beatles?Ebbene: Chi era mai Tiziano Terzani?

TIZIANO TERZANI. PROMEMORIA PER UN ASSESSORE UDINESE (E NON SOLO…)

“Albeggiava. Mi avvolsi in una coperta e salii sulla punta più alta del crinale a salutare le montagne. Non c’erano ancora. Un velo di caligine opaca velava l’intero orizzonte. Lentamente da quella semioscurità affiorarono delle ombre impercettibili, quasi evanescenti; poi dei profili bianchi e freddi. E improvvisamente le vette si accesero di rosa, di arancione. Nelle valli la caligine si fece viola, poi dorata e i ghiacciai presero fuoco contro il cielo di lapislazzulo. Il mondo divenne un’apoteosi di luce e di gioia. In bilico sulle punte più alte dei cedri, gli uccelli cominciarono a cinguettare. E il mio cuore con loro. La semplice, distaccata, bellezza delle montagne suscitava in me un sentimento simile a quello che nasce dall’amore: un senso di completezza, di invincibile forza, quasi di immortalità. Mai prima mi ero sentito così in presenza del divino…Non avevo bisogno di sperare in nessun miracolo. Tutto era lì nella vita attorno. Niente più mi pesava, mi preoccupava, mi faceva paura. Anche la mia morte mi sembrò parte di quell’infinita perfezione”.

Scarica: EFFEMERIDI DELL’IGNORANZA