Amore e morte

0
340

Questa notte, Il cineasta si è divertito a farmi vedere immagini oscene,

sussurravi a bassa voce parole sconce nel dialetto dei nostri avi

e queste parole pronunciate dalle tue labbra avevano il potere di eccitarmi come mai.

Queste parole nella lingua madre, sconosciuta, avevano potere su di me:

Tutti i vizi mai consumati da generazioni e generazioni, tutte le infedeltà mai commesse, tutto, una intesa totale, una esplosione di oscenità precipitose.

Abbiamo iniziato ad amarci.

E tutto mentre intorno il paesaggio era incantato,

un paesaggio Natale e invernale dove la tua figa

si trasformava in una fonte di acqua magica di montagna,

fresca, saltellante – sorgente di vita

o dell’ultimo sorso di acqua prima della morte