Una sera, una poesia

Pubblicato il 17 aprile 2017 | di Pablo Neruda

0

E’ come una marea

E’ come una marea, quando lei inchioda su di me
 i suoi occhi luttuosi,
quando sento il suo corpo di creta bianca e
mobile
stirarsi e palpitare accanto al mio,
è come una marea, quando lei è al mio fianco.
Ho visto, disteso davanti ai mari del Sud,
travolgersi le acque e distendersi
incontenibilmente,
fatalmente
nelle mattine e verso sera.
Acqua delle risacche sulle vecchie impronte,
sulle vecchie tracce, sulle cose vecchie,
acqua delle risacche che dalle stelle
si apre come un’immensa rosa,
acqua che continua ad avanzare sulle spiagge
come
una mano audace sotto un vestito,
acqua che penetra tra gli scogli,
acqua che si schianta sui promontori,
acqua implacabile come i vendicatori
e come gli assassini silenziosa,
acqua delle notti sinistre
sotto i mobili come una vena aperta,
come il cuore del mare
in una irradiazione tremante e mostruosa.
E’ qualcosa che mi rapisce da dentro e mi cresce
immensamente vicino, quando lei è al mio fianco,
è come una marea che s’infrange nei suoi occhi e
bacia la sua bocca, i suoi seni e le sue mani.
Tenerezza di dolore, e dolore d’impossibile,
ala dei desideri terribili, che si agita nella notte della mia
carne e della sua con una forza acuta di frecce nel cielo.
Una sorta di fuga immensa,
che non passa, che graffia dentro,
qualcosa che scava nelle parole pozzi tremendi,
qualcosa che contro tutto cozza, contro tutto,
come i prigionieri contro le pareti della cella!
Lei, scolpita nel cuore della notte
dall’inquietudine dei miei occhi allucinati:
lei, intagliata nei tronchi degli alberi del bosco
dai coltelli delle mie mani,
lei, il suo piacere insieme al mio,
lei, i suoi occhi luttuosi,
lei, il suo cuore, farfalla insanguinata
che con le due antenne dell’istinto mi ha toccato!
Non le può bastare questo stretto altipiano della
mia vita!
E’ come un vento scatenato!
Se le mie parole inchiodano appena come aghi
dovrebbero squarciare come spade o aratri!
E’ come una marea che mi travolge e mi piega,
è come una marea, quando lei è al mio fianco!

Autore Originale del Testo: Pablo Neruda



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate