Il PCI di Berlinguer e delle tribù campano-napolitane e bolognesi

0
334
Autore originale del testo: Fausto Anderlini

di Fausto Anderlini – 20 aprile 2019

Era il 1974 e di lì a un anno Valenzi avrebbe conquistato Napoli. Nel reggimento la tribù campano.napoletana era la più numerosa e parlava una lingua che per noi emiliani e padani era incomprensibile. Ma quando alla sera intonavano in branco la tamurriata nera restavamo sbalorditi. Non avevamo nulla nel nostro repertorio di così travolgente. E in quei momenti finivamo per sentirci anche noi napoletani.

La tamurriata: una sonorità mediterranea, berbera, araba intrisa di una potente vitalità. Nel folk si palesava una irresistibile energia rivoluzionaria e un orgoglio popolare poi andati perduti poco alla volta per culminare nell’odierna invenzione di una italianità provinciale e priva di spessore. Piatta come la flat tax.