Il segno di interpunzione renziano

0
264

di Alfredo Morganti

«Italia Viva offre il lavoro di cinque professionisti per tagliare due miliardi di spese inutili. Così non alziamo le tasse ed evitiamo balzelli come la sugar tax» (Renzi, alla Leopolda). Ma vi pare una cosa seria? Dai popcorn di ieri ai ragionieri di oggi, il passo è breve, più o meno sono la stessa cosa. È sempre e solo indifferenza politica: prima i renziani si atteggiavano a semplice audience, adesso sono un’agenzia interinale di tecnici chiavi in mano. Il vuoto politico è risolto con un pieno mediatico e ragionieristico. Non mette tristezza che vi siano questi chiari di luna, mette tristezza che in questi anni si sia guardato al Micron italiano con chissà quali aspettative. E invece la “risorsa” è tutta qui. In un testo ben declamato, Renzi sarebbe al massimo un segno di interpunzione. Perché è questo che fa: si interpone. Nient’altro.