Le parolacce del programma Conte bis

0
44
Autore originale del testo: Vecchia Talpa
Url fonte: https://vecchia-talpa.blogspot.com/2019/09/le-parolacce-del-programma-conte-bis.html

Nel programma di governo Conte bis, un democristiano dei tempi andati, al punto 20 dice che è necessario l’autonomia differenziata, ma non come nel suo precedente governo influenzato da quella pecora nera di Salvini. Questa volta l’autonomia differenziata deve essere compatibile con l’articolo 119, quinto comma, della Costituzione, che prevede l’istituzione di un fondo di perequazione volto a garantire a tutti i cittadini la medesima qualità dei servizi.
Dunque autonomia “differenziata” presuppone che i servizi che lo Stato deve garantire non sono uguali per tutti. I servizi che riceverebbe il cittadino calabrese sono inferiori a quelli che riceve il cittadino lombardo. Altrimenti che razza di differenziazione sarebbe?
Dunque servizi differenziati a seconda della ricchezza della Regione di appartenenza.
Ma a questa disparità sopperirebbe, come recita l’art 119 della Costituzione, un fondo di perequazione che dovrebbe sopperire a tutte le disparità di tutte le Regioni (sopratutto del SUD) che sono penalizzate rispetto alle Regioni (sopratutto del Nord) più ricche!
Si capisce come questa sia una presa per i fondelli, come le rette parallele che si incontrano di democristiana memoria.
Non si farebbe prima, allora, a togliere alle Regioni più ricche e darle alle Regioni più povere cosi che si avrebbe in automatico la perequazione di cui l’art 119?
Altrimenti questo fondo, vista la mancanza di risorse, da chi e da cosa sarebbe rimpinguata?
E’ chiaro quel fondo sarà un pozzo senza fine e sempre vuoto e che si avrebbe una disparità e un divario sempre maggiore fra chi è più ricco e più avanti rispetto a chi è sempre più povero e in svantaggio.