Le sardine e i critici, bempensanti di sinistra

0
1453
Autore originale del testo: Giuliana Bozzolan

di Giuliana Bozzolan

Penso a tutti i bempensanti di sinistra, così critici contro le piazze piene delle sardine, poco generosi proprio con chi cerca di combattere questo clima feroce che la destra ha da tempo promosso.
Le sardine sono nate proprio con questa motivazione, combattere questa ferocia, e lo hanno fatto con una idea semplice e intelligente e con gli strumenti usati dalla “Bestia” , ma una sinistra sempre critica dice di loro che sono addirittura “cretinetti” , è veramente desolante leggere dei giudizi così privi di generosità.
E così carichi di presunzione.

-.-.-.-

Comunicato ufficiale 6.000 sardine

Le piazze delle sardine si sono fin da subito dichiarate antifasciste e intendono rimanerlo.
Nessuna apertura a CasaPound, né a Forza Nuova. Né ora né mai.
Dal 14 novembre scorso centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza proprio contro quei partiti che con le idee e il linguaggio dei gruppi neofascisti e neonazisti flirtano in maniera neanche troppo nascosta.
Stephen Ogongo ha commesso un’ingenuità. Ci dispiace che il concetto di apertura delle piazze sia stato travisato e strumentalizzato, ma non stupisce. In questo momento le piazze fanno gola a molti, lo avevamo già detto e lo ripetiamo. Rammarica che questo fraintendimento sia cavalcato da più parti. Ma è giusto dare una risposta netta.
Le sardine sono antifasciste.
Le sardine continueranno a riempire le piazze.
Si decida da che parte stare. Noi lo abbiamo già fatto.
Andrea, Giulia, Mattia, Roberto e tutte le sardine
#ItaliaNonAbbocca
#ItaliaNonDimentica
#6000sardine