L’esercito dei ragazzi contro la mafia: premiati Musacchio e Borsellino

0
347

di Cecilia Giroldini, 23 settembre 2018

Lotta contro la mafia e la corruzione, un percorso verso la legalità. Gli studenti si preparano a combattere con penne, matite e con la propria voce. “La Mafia si combatte più con la scuola che con la polizia”. Questo è ciò che riporta testualmente il sito web “Your Education”. Due termini apparentemente opposti, distanti e totalmente slegati tra loro. Se la scuola ha il compito di indirizzare i ragazzi verso il rispetto, il senso civico e la cittadinanza, la mafia invece si pone come obiettivo quello di andare contro questi principi. A scuola insegnano ad aprire le orecchie, ascoltare e parlare, la mafia invece a tapparle e tacere. Nonostante l’alto tasso di criminalità organizzata, in Italia gli istituti che affrontano il tema della mafia ed hanno protocolli e corsi di formazione a riguardo corrispondo solamente al 3%. Anche se la percentuale è molto bassa, i pochi che cercano veramente e seriamente di combatterla ce la mettono tutta.

Un esempio è sicuramente il professore Vincenzo Musacchio che da anni si impegna per portare avanti nella sua Scuola di Legalità intitolata  “Don Peppe Diana”, lezioni di “legalità” per contrastare la mafia e la corruzione. Il progetto “Legalità Bene Comune” si presta per diffondere il messaggio di giustizia e per rendere consapevoli i giovani del ruolo che hanno. Da un video-sondaggio di Skuola.net del 25 marzo 2015, sono scaturite le testimonianze e le opinioni di moltissimi ragazzi di una scuola di Palermo che da anni affrontano il problema mafia. Gli viene posta una domanda: ”Lotteresti contro la Mafia rischiando la vita?” E tutti i ragazzi, la cui età si aggirava tra i 15 e 19 anni, hanno risposto “SI” senza pensarci due volte.

Con Vincenzo Musacchio anche Rita Borsellino, che ci ha lasciati quest’anno il 15 agosto, è stata protagonista della lotta contro Cosa Nostra, proprio come il fratello Paolo. Ha trascorso la sua vita fronteggiando la mafia con coraggio, giorno dopo giorno, portando avanti il suo motto “Tutti insieme ce la faremo”. Ha ispirato gli studenti di moltissime scuole d’Italia, spronandoli a farsi valere, a non tacere ed a spingersi avanti sempre, senza paura. “La Mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine”. (Citazione di Giovanni Falcone).