Muri e prosciutti

0
170

di Luigi Altea 1 luglio 2019

Quello di Donald Trump è di 100 Km.

Quello di Massimiliano Fedriga sarà di 243 Km.

Il Governatore del Friuli vuole averlo più lungo del Presidente degli USA.

Pare però che la decisione finale non sia stata ancora presa.

Lo stesso Fedriga avrebbe ammesso che l’intera frontiera con la Slovenia non riuscirebbe a contenerlo tutto, e una parte finirebbe o per sconfinare in Austria, oppure per finire in ammollo nell’Adriatico.

Anche tanti suoi colleghi della Lega pare abbiano cercato di dissuaderlo.

Per un leghista, gli avrebbero detto, l’importante non è averlo lungo, quel che conta è averlo duro!

Nessuno pensi, tuttavia, che quella di Fedriga sia una sindrome di maniacale grandezza.

Semmai di maniacale lunghezza.

Per fermare l’invasione del Friuli da parte di scansafatiche, gentaglia battifiacca che cerca di vivere a sbafo, bisogna avere la vista lunga, i musi lunghi, i pensieri lunghi, e i muri lunghissimi.

Nessuna fetta di prosciutto di San Daniele vada perduta!

In molti hanno reagito di fronte all’ennesima proposta bislacca di un esponente della Lega.

C’è chi ha usato il sarcasmo, chi l’ironia o lo sberleffo.

Ma servirà tutto questo a riportare alla ragione i nostri governanti?

Temo di no.

Il buffone è sempre imperturbabile e arcisicuro nei suoi convincimenti.

La forza del pagliaccio risiede nel fatto d’ignorare di essere tale, e di non avere la “debolezza” di dubitare di sé.

Massimiliano Fedriga è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere onorario dell’Ordine di San Giorgio della Casa d’Asburgo-Lorena.

Chissà perché!

Per la grandezza, per la lunghezza o per la durezza?