Forma e sostanza

0
142
Autore originale del testo: Vecchia Talpa
Url fonte: https://vecchia-talpa.blogspot.com/2019/06/forma-e-sostanza.html

di Vecchia Talpa  14 giugno 2019

Siamo tutti in Europa, la crisi è mondiale, ma….
In Italia dal 2011 ad oggi sommando algebricamente le variazioni positive e negative delle variazioni annuali del pil, il totale reca il segno negativo: -3,2%. Nel confronto, la Francia ha aumentato il pil del 12%, la Germania del 16% e la Spagna del 9,6%. C’è dunque un problema, per noi, di crescita negativa. Ossia un problema strutturale.
Se poi guardiamo al recente passato il lunghissimo periodo 1992-2007 durante il quale l’Italia riuscì a ridurre il rapporto debito/pil dal 109,7% al 99,8%: in quel lasso di tempo, il pil reale era cresciuto del 23%, ad una media annua dell’1,4%. La variazione cumulata dell’inflazione era stata altissima rispetto all’oggi: del 60,3%, pari ad una media annua del 3,75%. Crescita modesta per via degli avanzi primari di bilancio ed elevata inflazione: pur arrancando, ce l’avevamo fatta.

Dalle analisi dei dati statistici macroeconomici si può arrivare alla conclusione che l’Italia ha problema strutturale interna rispetto agli altri paesi europei competitori e che questi problemi si sono aggravati a partire dagli anni 2007-2019 in maniera esponenziale anno dopo anno. Anni in cui sono passati governi di tutti i colori. Da Berlusconi, a Monti dai governi a guida PD fino all’attuale governo del “cambiamento!”

Passano i governi, cambia il colore, ma non la sostanza in politica macroeconomica.