I politici al seguito di sua maestà Mittal

0
108
Autore originale del testo: vecchia talpa
Url fonte: https://vecchia-talpa.blogspot.com/2019/12/i-politici-al-seguito-di-sua-maesta.html

L’apertura di Conte verso le richieste della Mittal che non aveva soluzioni per Taranto ha stimolato l’appetito della multinazionale.
E’ come in una partita a poker, quando il cattivo giocatore non ha un punto ma segue il buon giocatore che sta vincendo e in questa mano sta bluffando giocando al rialzo! Sapendo che l’avversario lo seguirà nel rilancio e poi abbandonerà il piatto!

Il suo piano industriale prevede, a fine 2023 oltre 4.500 esuberi, una riduzione da 10.789 dipendenti a circa 6.098 con oltre il 40% dell’attuale forza lavoro che dovrà lasciare gli stabilimenti ,“ricontrattazione” dell’accordo di secondo livello e la “revisione” degli “attuali accordi” e “prassi esistenti” , la riduzione della copertura dei parchi minerari che passa da 700 a 500 metri, che già rappresentava la caricatura della riconversione ecologica degli impianti definiti persino da Di Maio la sua grande rivoluzione.
Al rifiuto da parte dei sindacati a trattare su questo piano il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ha dichiarato “È necessario un confronto costruttivo onesto”.
Per il M5S basta aggiungere la parola messa lì a caso di “onesto” per addolcire la pillola.
Se Conte diceva che non aveva soluzioni per Taranto in realtà le aveva, erano quelle della Mittal.
Più ci si abbassano i pantaloni e più facile e l’introduzione multipla!!!!!